Antonio Figura vola a New York: ecco “Strong Place”Tempo di lettura: 1'

0

Il pianista palermitano Antonio Figura ha inciso “Strong Place” nell’omonima zona di Brooklyn. Le sette composizioni originali riecheggiano un linguaggio armonico personalissimo

Antonio Figura New York Trio STRONG PLACE

Antonio Figura New York Trio

STRONG PLACE

  • SCHEMA RECORDS, 2010 (FAMILY AFFAIR)

Antonio Figura (pf); Kendrick Scott (batt); Vincent Archer (cb)

“Strong Place” è il nome di una zona di Brooklyn: e proprio lì Antonio Figura (palermitano, classe 1972) è arrivato per registrare questo lavoro, insieme a una ritmica statunitense. Le sette composizioni che formano il disco, tutti originali usciti dalla penna del leader, mostrano un linguaggio armonico personale, complesso, quasi mai adagiato sui percorsi più familiari e confortevoli.

Nel disco si fa notare soprattutto una forte inclinazione al lirismo: i brani prediligono i tempi lenti o medio-lenti, sui quali le idee improvvisative hanno modo di svilupparsi senza fretta, emergendo gradualmente dall’interazione fra i tre strumenti, aiutate anche dal tocco raffinato e dalle chiare matrici classiche di Figura. I due ottimi partner si mettono al servizio della musica del pianista con rara sensibilità e impeccabile professionalità, tanto più notevoli vista l’occasionalità della collaborazione. (SP)

Intro/Promenade (On A Dotted Line) / Strong Place / Coincidenze / Thapsos / Mercy Street / Buenos Aires 1952 / Josephine

Related Post

Avatar

Jazzit è una piattaforma editoriale che si distingue per autorevolezza e innovazione ed è stata fondata da Luciano Vanni nell’estate del 1997: è impegnata nella divulgazione della cultura della musica jazz e nel corso degli anni ha ampliato e diversificato la sua attività, adoperando i nuovi canali d’informazione e promuovendo iniziative volte a superare la frammentazione della comunità jazzistica nazionale.

Leave A Reply

Altro... Jazz
L’enciclopedia del jazz sardo e una monografia per Enten Eller
Bill Carrothers rilegge Clifford Brown: ecco “Joy Spring”
Matteo Raggi e Davide Brillante: hard bop made in NY
Chiudi