Al fianco dei grandi: Bill Frisell suona con Garbarek e MosesTempo di lettura: 2'

0

L’insaziabile curiosità e la capacità di entrare in confidenza con le idee musicali altrui rendono Bill Frisell uno dei musicisti più richiesti come sideman. Eccolo al fianco di Jan Garbarek, Paul Bley, Bob Moses e…

DI LUCIANO VANNI

bill frisell

JAN GARBAREK

05 Al fianco dei grandi: Bill Frisell suona con Garbarek e Moses

Il sassofonista Jan Garbarek si è distinto, nel corso della sua carriera, per una profonda sensibilità melodica e per una scrittura espressionistica, carica di suggestioni neoromantiche. Per Frisell è l’occasione di confrontarsi con la tradizione musicale norvegese, un repertorio costituito da motivi minimalisti ed eccezionalmente lirici. Il timbro strumentale è certamente inaudito, soprattutto quando Garbarek è al soprano. I due incidono insieme, a nome di Garbarek, “Paths, Prints” (ECM, 1982) con Eberahard Weber e John Christensen, e “Wayfarer” (ECM, 1983) con Eberahard Weber e Michael Di Pasqua.

PAUL BLEY

Il pianista canadese, classe 1932, è di sicuro uno dei più rilevanti innovatori del suo strumento. Bill Frisell entra nel suo quartetto, che ha per protagonisti anche John Surman e Paul Motian, nel momento in cui torna sulle scene dopo un lungo silenzio. Incideranno insieme “Fragments” (ECM, 1986) e “The Paul Bley Quartet”(ECM, 1987). Nelle due registrazioni si ascolta una musica carica di spiritualità ed eccezionalmente lirica. Il chitarrista contribuisce portando due proprie composizioni, Monica Jane nel primo disco e After Dark nel secondo. Quest’ultimo album diverrà un classico degli anni Ottanta.

BOB MOSES

Il batterista è probabilmente uno dei più sottovalutati musicisti di jazz degli ultimi trent’anni, nonostante abbia collaborato con Gary Burton, Steve Kuhn, Steve Swallow e Pat Metheny (“Bright Size Life”, ECM 1975). Proprio Metheny sarà il produttore di “When Elephants Dream Of Music” (Gramavision, 1983), che ospita un grande ensemble orchestrale con Bill Frisell, Sheila Jordan, Steve Swallow, Nana Vasconcelos. “Visit With The Great Spirit” (Gramavision, 1984) affianca Frisell e Scofield a una parate di stelle (tra cui Dave Liebman, Bob Mintzer, David Sanborn) in un disco eccezionalmente riuscito.

WAYNE HORVITZ

Con il tastierista, Bill Frisell condivide la collaborazione all’interno dei gruppi di John Zorn. Horvitz è uno dei musicisti di riferimento della scena creativa newyorkese dagli anni Ottanta a oggi.

In questi cinque album Frisell è chiamato a gestire una musica quanto mai schizofrenica, da escursioni nel post-rock al blues, dalla canzone d’autore a registri più sintetici ed elaborati con l’elettronica: “The President” (Dossier, 1987), “This New Generation” (Elektra, 1987), “Todos Santos” (Sound Aspects, 1988), “Miracle Mile” (Elektra/Nonesuch, 1992), “Film Music 1998-2001” (Tzadik, 2002).

MISCELLANEA

Con Tim Berne, Bill Frisell registra “Theoretically” (Empire, 1984), un disco profondamente free; con John Scofield “Grace Under Pressure” (Blue Note, 1992). Invece con Kenny Wheeler “Angel Song” (ECM, 1997), un lavoro intenso, cupo e melanconico; con Fred Hersch incide “Songs We Knew” (Nonesuch, 1999), un dialogo sul filo delle emozioni; con Dave Douglas nasce “Strange Liberation” (RCA, 2004), che ricorda Miles Davis di fine anni Sessanta. Infine, si ritrova a fianco di Jim Hall in “Hemispheres” (ArtistShare, 2008), un doppio cd che documenta l’incontro tra maestro e allievo.

Related Post

Avatar

Jazzit è una piattaforma editoriale che si distingue per autorevolezza e innovazione ed è stata fondata da Luciano Vanni nell’estate del 1997: è impegnata nella divulgazione della cultura della musica jazz e nel corso degli anni ha ampliato e diversificato la sua attività, adoperando i nuovi canali d’informazione e promuovendo iniziative volte a superare la frammentazione della comunità jazzistica nazionale.

Leave A Reply

Altro... Jazz
Le chitarre e gli effetti preferiti di Bill Frisell
Bill Frisell: “Nell’oceano della mia immaginazione”
Bill Frisell, un compositore tra folk e avant-garde
Chiudi