“Fascinating Journey”, di Claudio Cojaniz, raccontato dall’autoreTempo di lettura: 5'

0

Abbiamo chiesto a Claudio Cojaniz di raccontarci come sono nate le tracce dell’album “Fascinating Journey”: ecco la loro storia

DI CLAUDIO COJANIZ

Claudio Cojaniz album Fascinating Journey

Vi proponiamo “Fascinating Journey”, di Claudio Cojaniz, attraverso gli occhi del suo autore: ecco i contenuti dell’album e la loro ispirazione, brano per brano.

01 Or…

Il disco “War Orphans” è il secondo lavoro con Giancarlo Schiaffini dopo “Alea” (Splasch, 1994). Il titolo del brano Or… rimanda all’inizio del nome di Coleman, Ornette. Nette è invece il titolo del solo di Schiaffo, contenuto nello stesso album. I due nostri assolo si frappongono tra due lunghe improvvisazioni su War Orphans e Lonely Woman di Coleman. Or… è una composizione di otto misure, si sviluppa in modo circolare,con molte variazioni e sostituzioni armoniche interne.

02 African Flowers

La dimensione del piano solo è sempre stata la più adatta per fare il punto della situazione. Il blues delle origini e lo stride piano costituiscono entrambi un punto di riferimento essenziale. African Flowers è una composizione sublime che prende forme sempre diverse. È una canzone dalla struttura AABB, anche se poi tendo a trasformarla in un blues: è in Re bemolle minore, una tonalità splendida per il pianoforte. Lo strumento con cui l’ho registrata è uno Steinway del 1938.

03 Boogie

Questo brano, tratto come il precedente dall’album in solo intitolato “Intermission Riff” e pubblicato nel 2008, l’ho improvvisato durante la seduta di registrazione, mentre provavo a stabilire un personale rapport con il pianoforte. Il basso ostinato mi ha fornito fin da subito quella danza interiore che ha permesso al pezzo di avere il suo flusso. Per me si tratta di musica classica, nel vero senso della parola, vale a dire che parla e ha sempre qualcosa da dire.

04 Just A Gigolo

Questa canzone, presente in un film degli anni Quaranta, era spesso suonata dal mio adorato Monk al quale rendo qui un evidente omaggio. Il brano arriva come bis alla fine di una lunga sequenza suonata sulle immagini di un filmato originale dal titolo Non son tornati: una sequela di alcuni terribili momenti della Prima guerra mondiale. La composizione è il frutto di una registrazione dal vivo che ha poi trovato pubblicazione, anche se non è stato possibile editarla con le immagini.

05 Busy Street

In questo lavoro, “Beat Spirit”, inizia il mio avvicinamento al sound della musica africana. In studio di registrazione abbiamo alternato composizioni di ognuno a improvvisazioni in duo. Lorenzo Acquaviva ha letto, all’inizio di ogni pezzo, brevi brani tratti dal mio libro Cobra 13 (Kappa Vu, 2007). La composizione Busy Street è un viaggio che procede su un basso ostinato: iterazione su cui un semplice tema si alterna a improvvisazioni melodiche. Una sorta di corsa festosa.

06 Black Panther

L’andamento di questo brano, come si evince dal titolo, vuole evocare il movimento della pantera, rendendo evidente da una parte il suo essere un felino e dall’altra la sua tenerezza. La composizione presenta, infatti, un tema all’unisono (A) che è volto a descrivere il nobile e aggressivo incedere dell’animale; a questo tema si alterna uno schema armonico (B), che rileva, interrompendone il flusso, la sua sorprendente interiorità, al contempo dolce e delicata.

07 African Market

Questa composizione è in tutta evidenza un omaggio ai mercati africani. Si apre con una melodia all’unisono e si sviluppa, subito dopo, su un ostinato. Cuong Vu e Francesco Bearzatti creano degli assolo, reinventando continuamente il tutto. L’orchestra interprete è la N.I.O.N., il cui nome è l’acronimo dell’espressione not in our name. I brani del disco d’origine trovano il loro epilogo in Howl, l’urlo emesso dai bambini di tutto il mondo, anche da quelli mai nati o ancora da venire.

08 Great Spirit

Dal primo lavoro con l’A. P. Trio. Si narra la storia di Willy, bambino indaco, che si trova scaraventato sulla Luna. Viaggiando tra i chiaroscuro della stessa, incontra la grande maestro dell’Universo, che gli insegnerà ad ascoltare il suo battere vitale. Allora tutto diventerà colore e calore, e quella sabbia e quei massi tra le lunghe ombre lunari diventeranno il giallo e luminoso deserto africano. Ballata AABB che trova nell’ammiccare alla danza una sorta di trip sognante.

09 War Orphans

Il brano fa parte del “Concerto all’alba” che ho tenuto, in Sardegna, nel 2008, davanti alle Bocche di Bonifacio, a Santa Teresa Gallura. È iniziato alle cinque e mezzo del mattino al buio ed è finito quando il sole ha illuminato la baia: un’esperienza magica. Questa composizione è stata scritta nel 1968 ed è un inno dedicato agli orfani di tutte le guerre. Ho fatto sì che rimanesse tutto sempre in sospensione, fatta eccezione per l’esposizione dello struggente tema.

Claudio Cojaniz, Fascinating Journey

TRACKLIST & LINEUP

01. OR… (C. Cojaniz)

Claudio Cojaniz (pf) tratto da WAR ORPHANS (Caligola, 2004) Monfalcone (GO), luglio 2003

02. AFRICAN FLOWERS (D. Ellington)

Claudio Cojaniz (pf) tratto da INTERMISSION RIFF (Caligola, 2008) Preganziol (TV), novembre 2007

03. BOOGIE (C. Cojaniz)

Claudio Cojaniz (pf) Tratto da INTERMISSION RIFF (Caligola, 2008) Preganziol (TV), novembre 2007

04. JUST A GIGOLO (I. Caesar/L. Casucci)

Claudio Cojaniz (pf) tratto da NON SON TORNATI (Cinemazero/Atracoustic, 2009) Pordenone, luglio 2008 (live)

05. BUSY STREET (C. Cojaniz)

Lorenzo Acquaviva (voc); Francesco Bearzatti (ten); Claudio Cojaniz (pf; testi da Cobra 13, Edizioni Kappa Vu, 2007) tratto da BEAT SPIRIT (Caligola, 2009) Preganziol (TV), luglio 2008

06. BLACK PANTHER (C. Cojaniz)

Lorenzo Acquaviva (voc); Francesco Bearzatti (ten); Claudio Cojaniz (pf; testi da Cobra 13, Edizioni Kappa Vu, 2007) Tratto da BEAT SPIRIT (Caligola, 2009) Preganziol (TV), luglio 2008

07. AFRICAN MARKET (C. Cojaniz)

N.I.O.N. Orchestra: Cuong Vu (tr), Maria Vicentini (vl), Giancarlo Schiaffini (trn); Francesco Bearzatti (ten); Claudio Cojaniz (pf, dir, arr); Danilo Gallo (cb); Romano Todesco (cb); Zeno De Rossi (batt); Luca Grizzo (perc) Tratto da HOWL (Caligola, 2010) Mestre (VE), giugno 2009 (live)

08. GREAT SPIRIT (C. Cojaniz)

A. P. Trio: Claudio Cojaniz (pf), Alessandro Turchet (cb), Luca Colussi (batt) Tratto da THE HEART OF THE UNIVERSE (Caligola, 2012) Preganziol (TV), agosto 2010

09. WAR ORPHANS (O. Coleman)

Claudio Cojaniz (pf) Inedito: CONCERTO ALL’ALBA Santa Teresa Gallura (OT), agosto 2008 (live)

Related Post

Avatar

Jazzit è una piattaforma editoriale che si distingue per autorevolezza e innovazione ed è stata fondata da Luciano Vanni nell’estate del 1997: è impegnata nella divulgazione della cultura della musica jazz e nel corso degli anni ha ampliato e diversificato la sua attività, adoperando i nuovi canali d’informazione e promuovendo iniziative volte a superare la frammentazione della comunità jazzistica nazionale.

Leave A Reply

Altro... Jazz
Branford Marsalis Quartet: Four Mfs Playin’ Tunes
Jano Quartet e Luca Aquino insieme per l’album “Distante”
Terre Di Mezzo: “Danza Gialla” è un inno alla vita
Chiudi