Il ritratto di John Coltrane attraverso le intervisteTempo di lettura: 1'

0

Chris DeVito ha raccolto tantissime interviste a John Coltrane, per farne un libro-ritratto dell’artista. Ecco “Coltrane secondo Coltrane”

CHRIS DEVITO John COLTRANE SECONDO COLTRANE libro

(A CURA DI) CHRIS DEVITO

COLTRANE SECONDO COLTRANE. TUTTE LE INTERVISTE

  • EDT , 2012

«Se qualcuno dovesse ritenere questo libro irrilevante e inutile, sostenendo che solo la musica conta, beh, non avrei obiezioni». Così Chris DeVito, con ironico understatement, chiude la prefazione al libro dedicato a John Coltrane.

In realtà, l’impegno profuso da DeVito nella redazione di quest’opera è impressionante: molti dei testi pubblicati sono tratti da oscure riviste, tradotti dal giapponese o dallo svedese. Oppure sono ritrascritti minuziosamente, basandosi sui nastri originali.

Ci sono interviste vere e proprie, ma anche articoli più ampi, stralci di lettere personali, citazioni contenute in note di copertina. E poi un blindfold test e persino due colloqui con persone che conobbero John prima che divenisse famoso (Franklin Brower, un amico d’infanzia, e Isadore Granoff, uno dei suoi primi insegnanti di musica).

Tutti insieme, compongono un ritratto molto vivo dell’uomo: intelligente, modesto, disponibile, autocritico fin quasi al masochismo. Completa l’edizione italiana un capitolo tratto dal volume Stasera jazz, in cui Arrigo Polillo traccia la storia dei suoi incontri con il sassofonista. (SP)

Related Post

Avatar

Jazzit è una piattaforma editoriale che si distingue per autorevolezza e innovazione ed è stata fondata da Luciano Vanni nell’estate del 1997: è impegnata nella divulgazione della cultura della musica jazz e nel corso degli anni ha ampliato e diversificato la sua attività, adoperando i nuovi canali d’informazione e promuovendo iniziative volte a superare la frammentazione della comunità jazzistica nazionale.

Leave A Reply

Altro... Jazz
Mai senza: i 5 dischi imperdibili di Renato Sellani
Joe Locke e Geoffrey Keezer, insieme per “Signing”
Wayne Shorter, Claudio Cojaniz e… il nuovo numero di Jazzit
Chiudi