Dr. Lonnie Smith e l’arte di organizzare l’improvvisazioneTempo di lettura: 1'

0

“The Art Of Organizing” è il titolo perfetto per rendere l’alchimia tra Dr. Lonnie Smith, decano dell’organo, il chitarrista Bernstein e il batterista Drummond

Dr. Lonnie Smith The Art Of Organizing

Dr. Lonnie Smith

The Art Of Organizing

  • CRISS CROSS JAZZ, 2009 (IRD)

Dr. Lonnie Smith (org Hamm); Peter Bernstein (ch); Billy Drummond (batt)

Questa session del 1993, finalmente pubblicata, rappresenta una delle prime fasi della collaborazione tra Smith e Bernstein. Le dinamiche tra i due sono già ampiamente collaudate (e qui sostenute da Drummond) grazie alla comune esperienza nel quartetto di Lou Donaldson.

L’alchimia è davvero unica, sia nei morbidi impasti delle ballad (la classica Polka Dots) e dei blues (Night Song scritta da Dr. Lonnie) sia nelle situazioni più straight (Turning Point, ancora di Smith) e movimentate (My Little Suede Shoes di Parker, presa a tempo di calypso). Il buon gusto del chitarrista e la sapienza del decano degli organisti nell’organizzare l’improvvisazione («art of organizing» appunto) fanno il resto. (RDV)

When We Kissed At Night / My Little Suede Shoes / This Ain’t Right / Polka Dots And Moonbeams / Softly As In A Morning Sunrise / Turning Point / Night Song / Too Damn Hot

Related Post

Avatar

Jazzit è una piattaforma editoriale che si distingue per autorevolezza e innovazione ed è stata fondata da Luciano Vanni nell’estate del 1997: è impegnata nella divulgazione della cultura della musica jazz e nel corso degli anni ha ampliato e diversificato la sua attività, adoperando i nuovi canali d’informazione e promuovendo iniziative volte a superare la frammentazione della comunità jazzistica nazionale.

Leave A Reply

Altro... Jazz
Walter Beltrami e le note sfuggenti di “Timoka”
L’eredità di Freddie Hubbard, gigante della tromba
La musica di Freddie Hubbard dal bop alla classicità
Chiudi