“E se domani”, omaggio a Carlo Alberto RossiTempo di lettura: 1'

0

L’orchestra jazz Verona Improvisers rende omaggio al riminese Carlo Alberto Rossi in “E se domani”. A riarrangiare le musiche, il pianista Gianluca Tagliazucchi

 Verona Improvisers Jazz Orchestra feat. Parrini & Tagliazucchi E se domani. The Carlo Alberto Rossi Songbook

Verona Improvisers Jazz Orchestra feat. Parrini & Tagliazucchi

E se domani. The Carlo Alberto Rossi Songbook

  • CALIGOLA, 2009 (IRD)

Renzo De Rossi (dir); Emanuele Parrini (vl); Cristian Stanchina, Cherardo Dacquati, Paolo Tubini, Franco Capiluppi (tr); Daniele Pianegonda (fl); Davide Agnoli (alto, sop); Roberto Piva (alto); Matteo Gervasini, Federico Zoccatelli (ten); Moreno Castagna (bar); Alberto Tortella, Crisitano Boschesi, Luca Zocca, Alessandro Saottini (trn); Gianluca Tagliazucchi (pf, arr); Davide Recchia (chit); Carlo Alberto Danieli (cb); Alberto Girardi (batt)

Carlo Alberto Rossi, riminese, classe 1921, ha scritto negli anni Cinquanta e Sessanta alcune delle pagine più celebri della nostra musica leggera. Questo disco, quindi, tratta giustamente la sua produzione un po’ come quella dei grandi songwriters statunitensi: il pianista e arrangiatore Gianluca Tagliazucchi ha trasformato una manciata dei suoi temi più famosi in partiture orchestrali, operando come si farebbe per i più classici degli standard.

Il linguaggio non si discosta dalla grande tradizione della big band, ma sfrutta tutte le potenzialità sonore e dinamiche dell’organico, al quale si aggiunge la nota timbrica insolita del violino di Emanuele Parrini, che si assume spesso il ruolo di voce solista.

Le mille bolle blu / E se domani / Carlo Alberto Rossi medley / Nun è peccato / Quando vien la sera / Se tu non fossi qui / Stradivarius / Trieste mia / Tribute to Carlo Alberto Rossi

Related Post

Avatar

Jazzit è una piattaforma editoriale che si distingue per autorevolezza e innovazione ed è stata fondata da Luciano Vanni nell’estate del 1997: è impegnata nella divulgazione della cultura della musica jazz e nel corso degli anni ha ampliato e diversificato la sua attività, adoperando i nuovi canali d’informazione e promuovendo iniziative volte a superare la frammentazione della comunità jazzistica nazionale.

Leave A Reply

Altro... Jazz
“Big Neighborhood”, Mike Stern suona in buona compagnia
Roma Trio riarrangia le Quattro stagioni in chiave jazz
Dr. Lonnie Smith e l’arte di organizzare l’improvvisazione
Chiudi