“Portraits Of Love”, l’ultimo disco di Eddie HigginsTempo di lettura: 1'

0

L’ultima incisione di Eddie Higgins e del suo Trio, poco prima di morire, comprende 13 ritratti dell’amore: ecco la recensione di “Portraits Of Love”

Eddie Higgins Trio Portraits Of Love

Eddie Higgins Trio

Portraits Of Love

  • VENUS RECORDS, 2009 (EGEA)

Eddie Higgins (pf); Jay Leonhart (cb); Joe Ascione (batt)

L’ultimo “ritratto” che Eddie Higgins ha potuto dedicare è all’amore. Il pianista e compositore statunitense, dalla corposa discografia, è scomparso – nel quasi assoluto silenzio della jazz society – alla fine di agosto.

Musicista discreto e sensibile, dotato di un particolare intuito melodico che emerge a chiare lettere dalla sua ultima opera, ancora una volta licenziata per la giapponese Venus. Tredici brani originali che attingono da ogni stile e forma: dal blues al mainstream, dalla song alla ballad, fino a toccare i ritmi della bossanova. Melodie senza tempo che sottolineano come Higgins fosse un autentico maestro del pianoforte. (AA)

Brownsburgh Blues / Flando de Orlando / York Town Girl / Midnight At Maxim’s / St. Louis Rendezvous / Alice From Dallas / Chicago Serenade / Mar Descançado / Moonlight On Kinkakuji / La cubana caliente / Seoul Music / April In Torino / Anita’s Caribbean Caper

Related Post

Avatar

Jazzit è una piattaforma editoriale che si distingue per autorevolezza e innovazione ed è stata fondata da Luciano Vanni nell’estate del 1997: è impegnata nella divulgazione della cultura della musica jazz e nel corso degli anni ha ampliato e diversificato la sua attività, adoperando i nuovi canali d’informazione e promuovendo iniziative volte a superare la frammentazione della comunità jazzistica nazionale.

Leave A Reply

Altro... Jazz
Bill Frisell, dal jazz alle collaborazioni pop e con il cinema
Chick Corea: farsi in tre per la musica (a 71 anni)
São Paulo Underground: Rob Mazurek e le teste pazze
Chiudi