Jazzit Award, il Museo del jazz e… benvenuto 2011Tempo di lettura: 2'

0

Il 2011 della rivista si apre con tanti speciali: pubblichiamo i risultati dei Jazzit Award, gli eventi per il centenario del Museo del jazz e le novità in ambito musicale

Apriamo il 2011 con un numero dedicato alla prima edizione del JAZZIT AWARD, protagonista assoluto di una cover story che si propone di sintetizzare un anno di attività discografica, video e libraria e che, grazie all’ampia partecipazione popolare, offre per la prima volta in Italia una riflessione sul pianeta jazz nazionale e internazionale. Abbiamo dedicato al JAZZIT AWARD ben cinquantotto pagine per promuovere nel dettaglio questa iniziativa, che a partire da questa edizione si ripeterà ogni anno. Colgo l’occasione per ringraziare tutti coloro che hanno sostenuto il progetto.

JAZZIT STUFF

A fianco dell’ampia e dettagliata cover story, JAZZIT offre il suo abbondante menù di interviste e approfondimenti su alcune delle novità più rilevanti di questi ultimi mesi. In rapida sintesi: U. T. Ghandi, Henry Threadgill, Michel Wollny, Daniele Mencarelli, Danilo Pérez, Mauro Ottolini, Barbara Errico. E poi Jan Garbarek, Gianni Lenoci e Stefania Tallini. A questi si aggiungono altri tre servizi più “storici” dedicati a Jaco Pastorius, Miles Davis e Richie Kamuca, protagonisti di altrettante ristampe di grande interesse artistico. Ma non solo.

Attorno al nostro collaboratore Giorgio Lombardi ruotano altri due servizi: la cd story rivolta al trombettista Buck Clayton, celebrato in occasione del centenario della sua nascita, e l’intervista realizzata per rendere omaggio ai primi dieci anni del Museo del Jazz di Genova, da lui fondato e diretto.

WELCOME TO THE JAZZIT CARD

A partire dal 2011 JAZZIT offrirà a tutti i suoi abbonati una ricca proposta di convenzioni con alcune tra le più prestigiose realtà italiane – festival, scuole di musica, studi di registrazione, jazz club, negozi di musica e strumenti musicali. Un vero e proprio network del jazz italiano, nato per creare una relazione tra la comunità degli operatori del settore e i lettori della rivista. Una volta sottoscritto l’abbonamento a JAZZIT sarà inviata gratuitamente la JAZZIT CARD, tessera con cui sarà possibile godere di sconti sull’acquisto di cd, dvd e libri nei negozi affiliati e di riduzioni all’ingresso di festival e jazz club convenzionati. Rinnovare l’abbonamento a JAZZIT, o farlo per la prima volta, non è stato mai così vantaggioso e utile.

JAZZIT MULTIMEDIALE

È questione di ore, ma il nuovo jazzit.it sta per nascere. E non si tratta di un semplice restyling del web che già conoscete. Sarà un nuovo progetto multimediale che conterrà al suo interno una tv, un negozio on line e un’infinità di spazi pensati per offrire servizi all’appassionato di jazz. E grazie alla nuova tecnologia del QR Code, rivista e webzine inizieranno a comunicare e a scambiarsi contenuti. Continuate a seguirci anche sulla nostra pagina facebook, che è già alle soglie dei suoi primi 7.000 fan.

LUCIANO VANNI

Related Post

Avatar

Jazzit è una piattaforma editoriale che si distingue per autorevolezza e innovazione ed è stata fondata da Luciano Vanni nell’estate del 1997: è impegnata nella divulgazione della cultura della musica jazz e nel corso degli anni ha ampliato e diversificato la sua attività, adoperando i nuovi canali d’informazione e promuovendo iniziative volte a superare la frammentazione della comunità jazzistica nazionale.

Leave A Reply

Altro... Jazz
Hi-fi, cuffie e le novità per ascoltare la musica
“God Fried Finger”: i Blonde Zeros tra rock e poesia
“Travel Dialogues”, un disco di standard per Cafiso e Rubino
Chiudi