Con la nuova Jazzit Card, sconti e convenzioni esclusiveTempo di lettura: 3'

0

La Jazzit Card si rinnova e offre tanti sconti, convenzioni e vantaggi esclusivi. Per creare una community del jazz con i nostri lettori

Jazzit vive in un continuo stato di trasformazione, creando sempre iniziative e servizi che agiscono parallelamente all’edizione cartacea della rivista. Negli ultimi mesi vi abbiamo presentato la webzine www.jazzit.it, il Jazzit Shop, la Jazzit Tv, i Jazzit Awards (edizione 2011) e più recentemente i Jazzit Weekend. Last, but not least è il momento di introdurvi alla Jazzit Card, originariamente nata come fidelity card ma oggi rilanciata con altri presupposti.

Jazzit Card: convenzioni e sconti

Alla base della nuova Jazzit Card c’è un principio quanto mai ambizioso: offrire l’opportunità a tutti gli appassionati di jazz di usufruire di convenzioni, sconti e servizi esclusivi per sempre. Questa la rivoluzione: creare un meccanismo di unione “eterna” tra Jazzit e tutti voi. Un ritrovarsi insieme in funzione del fatto che amiamo la stessa musica e i suoi protagonisti. Perché «il jazz non è né un repertorio specifico, né esercizio accademico, ma uno stile di vita», secondo le parole del trombettista Lester Bowie.

Dal 1 giugno 2012 sarà possibile acquistare la Jazzit Card direttamente dal sito di Jazzit (Jazzit Shop). Potrete fin da subito godere dei benefici e delle riduzioni all’ingresso dei numerosi festival estivi convenzionati. La Jazzit Card costa 50 euro, è uninominale e ha validità di tempo illimitata. Garantirà anche lo sconto del 10% sull’acquisto di cd, libri e merchandising sul Jazzit Shop.

Mettere a vostra disposizione per sempre le nostre convenzioni (il cui elenco sarà quotidianamente aggiornato su www.jazzit.it) significa generare un rapporto di confidenza con il sistema jazzistico nazionale. E testimonia il desiderio di riconoscere a tutti voi un ruolo di straordinaria importanza.

Jazzit stuff

La cover story è dedicata a Bill Frisell, un musicista che negli ultimi mesi è stato protagonista di almeno due album rilevanti, “Floratone II” (Savoy, 2012) e “The Gnostic Preludes” (Tzadik, 2012). Accanto all’ampio servizio monografico di copertina, approfondiamo le recenti produzioni discografiche di Simone Guiducci, Chick Corea (ben tre), John Zorn, Ahmad Jamal, Gianni Bardaro, Massimo Carrieri, Walter Donatiello, Claudio Fasoli, Giovanni Francesca, Mauro Gargano, Maurizio Giammarco, Charlie Haden e Hank Jones, Pierrick Pédron, São Paulo Underground, Andy Sheppard/Michel Benita/Sebastian Rochford.

Presente il consueto appuntamento con la rubrica Jazz Anatomy di Roberto Spadoni, questa volta dedicata a St. Thomas di Sonny Rollins. E poi le interviste a Franco Caroni, Klaus Widmann, Gavino Mele e Giovanni Guidi per presentarvi rispettivamente la nascita della Siena Jazz University, il Südtirol Jazz Festival Alto Adige (che quest’anno festeggia il trentesimo anniversario), il concorso Scrivere in Jazz organizzato dall’Associazione Blue Note Orchestra e lo Young Jazz Festival di Foligno.

Infine, allegato a Jazzit, un cd dedicato a una delle formazioni più ispirate e brillanti del jazz europeo contemporaneo, i Sousaphonix di Mauro Ottolini. Il polistrumentista ha selezionato per la Jazzit Records nove composizioni tratte dai primi due album dei Sousaphonix, usciti tra il 2009 e il 2010 per la CAM Jazz.

Jazzit Weekend: turismo culturale a suon di jazz

In occasione di Atina Jazz 2012, la nostra rivista organizzerà due Jazzit Weekend nella Valle di Comino (20-22 luglio e 27-29 luglio). Sarà per vivere un’esclusiva esperienza di turismo culturale.

Sarà presentato un pacchetto turistico comprendente il pernottamento in agriturismo, degustazioni enogastronomiche con prodotti del territorio, ingressi ai concerti (Manhattan Transfer, Giovanni Guidi, Gianluca Petrella, Roy Hargrove, Enrico Rava, Mario Romano, Stefano Bollani, Hamilton De Holanda, Dado Moroni, Max Ionata, Fulvio Sigurtà, Claudio Filippini, Luca Aquino, Enzo Pietropaoli e altri) e appuntamenti conviviali vissuti a fianco dei protagonisti del festival. Per informazioni scrivere a luciano@vannieditore.com.

Luciano Vanni

Related Post

Avatar

Jazzit è una piattaforma editoriale che si distingue per autorevolezza e innovazione ed è stata fondata da Luciano Vanni nell’estate del 1997: è impegnata nella divulgazione della cultura della musica jazz e nel corso degli anni ha ampliato e diversificato la sua attività, adoperando i nuovi canali d’informazione e promuovendo iniziative volte a superare la frammentazione della comunità jazzistica nazionale.

Leave A Reply

Altro... Jazz
Simone Guiducci: “La musica delle radici in That’s All Folks”
Recensione di “That’s All Folks”, di Simone Guiducci Gramelot
Massimo Carrieri: “Ecco Zahir, la mia ossessione”
Chiudi