Come suonare il cajon: ecco il manuale giustoTempo di lettura: 1'

0

“Le basi del cajon” è un manuale semplice ma accurato per imparare a suonare lo strumento sudamericano, con le tecniche di base e alcune finezze stilistiche

MATTHIAS PHILIPZEN

LE BASI DEL CAJON

  • CURCI, 2012

Pagine 64 + CD audio – 13,50 euro

Il cajon (termine spagnolo per “cassetta”) è uno strumento a percussione originario di Cuba e del Perù, e deve alla tradizione flamenca la sua diffusione in Europa. La sua popolarità è in grande e costante crescita, e si è accreditato con il tempo nel ruolo di sostituto della batteria nei più diversi generi musicali.

Si tratta di un parallelepipedo di legno cavo, con una cordiera attaccata. Il musicista (seduto sopra il cajon stesso) produce suoni percussivi utilizzando mani e piedi. Il lavoro di Philipzen ha il vantaggio della semplicità e della sintesi, pur essendo allo stesso tempo valido e completo.

Vari capitoli analizzano le tecniche specifiche dello strumento: basso cubano e peruviano, bordo cubano e peruviano, slap, combinazioni di suoni. Una sezione apposita è dedicata ai suoni speciali (rullata, artiglio, nocche e pugni, uso delle spazzole) e un’altra alla riproduzione del set tipico di batteria utilizzando le possibilità timbriche del cajon. Nel finale Philipzen analizza i vari stili, dalla polka all’hip hop, presentando numerosi esempi di esecuzione. (EM)

Leggi anche: Il manuale di improvvisazione di Bergonzi.

Related Post

Avatar

Jazzit è una piattaforma editoriale che si distingue per autorevolezza e innovazione ed è stata fondata da Luciano Vanni nell’estate del 1997: è impegnata nella divulgazione della cultura della musica jazz e nel corso degli anni ha ampliato e diversificato la sua attività, adoperando i nuovi canali d’informazione e promuovendo iniziative volte a superare la frammentazione della comunità jazzistica nazionale.

Leave A Reply

Altro... Jazz
Piero Odorici: “Cedar Walton è stato come un padre”
Tradotto in italiano il manuale di giri armonici di Aebersold
Il jazz per l’estate: un editoriale anti afa
Chiudi