Il manuale di improvvisazione a cura di Jerry BergonziTempo di lettura: 1'

0

“Melodic structures” è un manuale, corredato di cd, dedicato alle tecniche di improvvisazione. Il metodo di Jerry Bergonzi è innovativo e pragmatico

Il manuale di improvvisazione a cura di Jerry Bergonzi Melodic Structures

JERRY BERGONZI, MELODIC STRUCTURES

  • VOLONTÈ & CO., 2011
  • Pagine 96 + CD audio – 32,90 euro

Jerry Bergonzi propone un approccio all’improvvisazione semplice e pragmatico. Le tecniche che presenta si focalizzano sul linguaggio jazzistico ma sono applicabili a tutti gli stili.

Il manuale inizia con l’insegnare a numerare i gradi delle scale, e propone poi l’utilizzo di strutture melodiche di quattro note, con un gran numero di permutazioni. In seguito Bergonzi illustra come applicare queste semplici strutture nei contesti della forma canzone, e in particolare sulle armonie dei brani, le cui basi sono incluse nel cd in allegato, armonie tratte da celebri standard (per esempio How Low The Sun richiama How High The Moon, Lunar è costruita sulle armonie di Solar, e così via).

Bergonzi analizza anche la visualizzazione dei frammenti melodici in block chords, l’immaginazione creativa, l’editing (il processo che permette di escludere alcune delle note). Studia brani con differenti centri tonali, rivolti e le note da evitare. Si tratta di un metodo innovativo e ben formulato, che fonda l’approccio all’improvvisazione sulle scale, permettendo così di sviluppare un tipo di fraseggio costruito fortemente sulla ricerca melodica. (EM)

Related Post

Avatar

Jazzit è una piattaforma editoriale che si distingue per autorevolezza e innovazione ed è stata fondata da Luciano Vanni nell’estate del 1997: è impegnata nella divulgazione della cultura della musica jazz e nel corso degli anni ha ampliato e diversificato la sua attività, adoperando i nuovi canali d’informazione e promuovendo iniziative volte a superare la frammentazione della comunità jazzistica nazionale.

Leave A Reply

Altro... Jazz
Tom Waits: vita e discografia del poeta del jazz
Renato Sellani interpreta Roberto Livraghi in chiave jazz
“Looking For Listeners”: il piano di Cirillo tra jazz e musica antica
Chiudi