“Play the blues”: il disco evento con Clapton e MarsalisTempo di lettura: 1'

0

“Play the blues” raccoglie una eccezionale performance di Eric Clapton e Wynton Marsalis: il maestro del jazz e quello del blues rock rileggono in chiave dixieland dieci brani celebri

"Play the blues": il disco evento WYNTON MARSALIS & ERIC CLAPTON

WYNTON MARSALIS & ERIC CLAPTON

  • RHINO, 2011 (WARNER)

Wynton Marsalis (voc, tr); Eric Clapton (voc, ch); Dan Nimmer (pf); Carlos Henriquez (cb); Ali Jackson (batt); Marcus Printup (tr); Victor Goines (cl); Chris Crenshaw (trn, voc); Don Vappie (banjo); Chris Stainton (tast); Taj Mahal (voc #9, voc, banjo #10)

Uscito anche in versione cd più dvd, “Play The Blues” documenta una performance di Wynton Marsalis ed Eric Clapton alla guida di un tentetto, con il bluesman Taj Mahal ospite speciale in due brani. Un incontro affascinante perché riunisce per la prima volta due musicisti simbolo di altrettanti stili musicali, il jazz e il blues-rock, e perché dà vita a una rivisitazione in chiave dixieland di celebri blues.

La strumentazione è quella della King Oliver’s Creole Jazz Band con l’aggiunta della chitarra. Un gruppo definito da Wynton Marsalis come «mythic birthplace of jazz, the blues, gospel, rhythm and blues and rock and roll». La musica scorre con eleganza e la qualità performativa è di altissimo livello. Si passa con estrema disinvoltura dal dixieland allo swing, dal ragtime al be bop, dal boogie woogie al rhythm and blues, e così anche Layla si veste di nuovi colori, diventando una ballata in stile New Orleans. (LV)

Ice Cream / Forty-Four / Joe Turner’s Blues / The Last Time / Careless Love / Kidman Blues / Layla / Joliet Bound / Just A Closer Walk With Thee / Corrine, Corrina

DVD bonus track: Stagger Lee featuring Taj Mahal

Related Post

Avatar

Jazzit è una piattaforma editoriale che si distingue per autorevolezza e innovazione ed è stata fondata da Luciano Vanni nell’estate del 1997: è impegnata nella divulgazione della cultura della musica jazz e nel corso degli anni ha ampliato e diversificato la sua attività, adoperando i nuovi canali d’informazione e promuovendo iniziative volte a superare la frammentazione della comunità jazzistica nazionale.

Leave A Reply

Altro... Jazz
“Sounds and silence”, un documentario sulla storia di ECM
Recensione di “Life Variations”, di Enrico Zanisi Trio
Addio a Sam Rivers, maestro del sax al fianco di Miles Davis
Chiudi