“Swingin’”, da Smell3 hard bop con l’emozione del liveTempo di lettura: 1'

0

Le registrazioni di “Swingin’”, di Smell3, conservano tutta la vitalità del live. Il disco, hard bop robusto e brani standard, mantiene le promesse

 Smell3 SWINGIN’

Smell3

SWINGIN’

  • RADIO SNJ, 2010 (PROPRIA)

Gianni Cazzola (batt); Nico Menci (pf); Paolo Benedettini (cb)

“Swingin’” gioca a carte scoperte, fin da subito. Fin già dal titolo, ovviamente, che promette un hard bop robusto e sanguigno: promessa ampiamente mantenuta nel corso del disco. I tre musicisti si muovono con sicurezza lungo le strade maestre della tradizione, dove i due più giovani partner procedono guidati dal drumming blakeyano di un vero e proprio veterano del nostro jazz come Gianni Cazzola.

Dei nove brani (tutti standard, ma con qualche chicca come Laverne Walk a firma di Oscar Pettiford, o On The Trail dalla “Grand Canyon Suite” di Ferde Grofè) vengono fornite versioni svelte e dirette, prive di fronzoli, nelle quali l’interesse è tutto centrato sullo swing, sul senso del blues e sull’eleganza del fraseggio. Le registrazioni, che risalgono al periodo 2001-2005, colgono il trio dal vivo, su diversi palcoscenici, e riescono a trasmettere perfettamente il calore e l’eccitazione della performance live. (SP)

I Got Rhythm / Summertime / Laverne Walk / Alone Together / Milestones / Autumn In New York / On The Trail / I’ll Remember April / Somebody Loves Me

Related Post

Avatar

Jazzit è una piattaforma editoriale che si distingue per autorevolezza e innovazione ed è stata fondata da Luciano Vanni nell’estate del 1997: è impegnata nella divulgazione della cultura della musica jazz e nel corso degli anni ha ampliato e diversificato la sua attività, adoperando i nuovi canali d’informazione e promuovendo iniziative volte a superare la frammentazione della comunità jazzistica nazionale.

Leave A Reply

Altro... Jazz
“Plenty Swing, Plenty Soul”, la rinascita del jazz afro
Francesco Bearzatti e Tinissima 4et celebrano Malcom X
Omaggio ai Procol Harum: il disco di Zambrini, Di Biase e Scott
Chiudi