Steve Coleman: “Harvesting Semblances and Affinities”Tempo di lettura: 1'

0

Quattro anni dopo le prime incisioni, PI pubblica “Harvesting Semblances and Affinities”, inciso da Steve Coleman and Five Elements tra il 2006 e il 2007

Steve Coleman and Five Elements HARVESTING SEMBLANCES AND AFFINITIES

Steve Coleman and Five Elements

Harvesting Semblances and Affinities

  • PI, 2010 (EVOLUTION MUSIC)

Anche se la PI lo ha deciso di pubblicarlo nel 2010, in realtà l’album è stato inciso tra il 2006 e il 2007. Cosa aspettarci da questo album?

Senza rinnegare le alchimie urbane nate dalla mescolanza tra la filosofia polimetrica africano-occidentale e l’ampia ciclicità del raga indiano, Coleman cura in particolare l’armonia e il contrappunto, come documentano le arie cameristiche proposte. Presenti le irrinunciabili, ipnotiche addizioni metriche che costituiscono da sempre il suo patrimonio.

Leggi anche la recensione di “To Infinity and Beyond”, dei Ja Vigiu Plamja.

Related Post

Avatar

Jazzit è una piattaforma editoriale che si distingue per autorevolezza e innovazione ed è stata fondata da Luciano Vanni nell’estate del 1997: è impegnata nella divulgazione della cultura della musica jazz e nel corso degli anni ha ampliato e diversificato la sua attività, adoperando i nuovi canali d’informazione e promuovendo iniziative volte a superare la frammentazione della comunità jazzistica nazionale.

Leave A Reply

Altro... Jazz
“Atto di dolore”: Massimo De Mattia con riflessi blues
The Weather Report: il quintetto di Shorter e Zawindul
“To Infinity and Beyond”, dei Ja Vigiu Plamja
Chiudi