“This Brings Us To”, dagli Zooid musica camaleonticaTempo di lettura: 1'

0

Gli Zooid, di Henry Threadgill, pubblicano un disco capace di trasformarsi e rinnovarsi ad ogni ascolto. Ecco il primo album di “This Brings Us To”

Henry Threadgill Zooid THIS BRINGS US TO. VOLUME I

Henry Threadgill’s Zooid

THIS BRINGS US TO. VOLUME I

  • PI, 2010 (EVOLUTION MUSIC)

Gli Zooid sono artefici di una sommatoria d’incastri ritmici dai cicli ampi, sulla scia di certi musicisti dell’India e dell’Africa atlantica. L’ingegnoso sistema di scrittura dà forma a inesauribili scatole cinesi dal trasformismo camaleontico: mutano aspetto ogniqualvolta cambia il punto di osservazione di chi ascolta. Vige un clima d’inafferrabilità e di mistero che permea il prototipico jazz etno-urbano del gruppo.

Leggi anche la recensione di “To Infinity and Beyond”, dei Ja Vigiu Plamja.

Related Post

Avatar

Jazzit è una piattaforma editoriale che si distingue per autorevolezza e innovazione ed è stata fondata da Luciano Vanni nell’estate del 1997: è impegnata nella divulgazione della cultura della musica jazz e nel corso degli anni ha ampliato e diversificato la sua attività, adoperando i nuovi canali d’informazione e promuovendo iniziative volte a superare la frammentazione della comunità jazzistica nazionale.

Leave A Reply

Altro... Jazz
Bobby Mcferrin e Roger Treece insieme per “Vocabularies”
Lionel Loueke, invito alla musica: ecco “Mwaliko”
Simone Guiducci riscopre il Django Reinhardt compositore
Chiudi