70 quiz per sapere se sei un bravo skipper (anche se hai la patente)Tempo di lettura: 12'

0

Mettiti alla prova prima di tornare in barca: rispondi ai nostri quiz e scopri se sei un bravo skipper. Se ti è andata bene vantatene in banchina, ma se le carenze sono troppe… urge un ripasso

di Alberto Cossu
70 quiz per sapere se sei un bravo skipper (anche se hai la patente)
Possedere la patente nautica non significa anche saper condurre un’imbarcazione. Infatti per potersi considerare un bravo skipper, cioè colui che dirige le manovre in un’imbarcazione, ci vuole ben altro. Innanzitutto tanta pratica di navigazione e poi approfondimento della conoscenza della nomenclatura nautica e delle norme. Se volete mettervi alla prova per rendervi conto di come ve la cavate effettivamente in barca e quindi fregiarvi del titolo di skipper e marinaio esperto, allora questo quiz fa per voi.

GLI ARGOMENTI DEI QUIZ

Per verificare le vostre capacità, abbiamo quindi selezionato 70 domande, riguardanti la navigazione e poi la normativa, la conoscenza della terminologia nautica, la meteorologia e anche i comportamenti da tenere in mare. Vi offriamo poi le classiche tre possibilità di risposta. Rispondete ai quiz di getto, ma senza consultare libri o siti internet! Poi fate la somma delle risposte giuste. Infine verificate a quale dei tre profili siete associati.

SEI UN BRAVO SKIPPER?

Scoprirete così se c’è bisogno urgente di un bel ripasso e dell’aiuto di un amico esperto che vi dia qualche ripetizione. Oppure se ve la cavate abbastanza bene, ma dovrete stare molto attenti quando andrete per mare. Se invece avete superato a pieni voti il test, potrete vantarvene in banchina. Inoltre sarete sicuri di sapere dominare ogni situazione che vi può capitare in navigazione, in porto, in capitaneria, in caso di controlli. Ovviamente questo resta un gioco e come tale deve essere interpretato. Se non vi ricordate che cos’è il “calumo” non succede nulla, ma…
Quando hai finito, clicca il link che trovi a fondo pagina per scoprire le soluzioni al test!

1. Nell’andatura di gran lasco il vento rispetto alla rotta giunge con un angolo di circa:

a) 90°
b) 150°
c) 180°

2. Quando è obbligatorio avere un apparato Vhf?

a) Solo quando si naviga entro 6 miglia dalla costa.
b) Quando si naviga oltre 6 miglia dalla costa.
c) Quando si naviga entro 3 miglia dalla costa.

3. I battelli al servizio delle unità da diporto (anche detti tender) a che distanza dalla costa possono navigare?

a) Solo entro 6 miglia dalla costa.
b) Entro 1 miglio dalla costa.
c) Entro 1 miglio dalla costa o dall’unità madre, ovunque sia.

4. Rispetto al vento reale, il vento apparente si presenta:

a) Sempre più a prua.
b) Sempre più a poppa.
c) Sempre maggiore.

5. Quanti anni bisogna avere per condurre natanti a motore per i quali non è previsto l’obbligo della patente?

a) 16 anni per tutti i natanti eccetto gli acquascooter.
b) 16 anni per gli acquascooter, 18 invece per i natanti a motore.
c) 18 anni per tutti i natanti.

6. Quando scatta l’obbligo della patente per comandare un natante da diporto?

a) Mai, non è necessaria la patente per i natanti da diporto.
b) Quando la potenza del motore supera i 40.8 Cv.
c) Quando la potenza del motore supera i 25 Cv.

7. Come deve comportarsi chi riceve una richiesta di soccorso?

a) Deve dirigere immediatamente sull’unità in pericolo.
b) Deve tenere il contatto radio con l’unità in pericolo sino all’arrivo dei soccorsi.
c) Deve rilanciare la chiamata di soccorso e poi eventualmente adoperarsi per prestare soccorso all’unità in pericolo.

8. Nelle andature portanti l’area della vela adiacente alla balumina deve essere tenuta:

a) Piatta.
b) Concava.
c) Convessa.

9. Qual è il limite di velocita per un’unità da diporto in transito all’interno di un porto?

a) 3 nodi.
b) 6 nodi.
c) Variabile perché è stabilito dall’Autorità Marittima competente.

10. Gli apparati ricetrasmittenti installati a bordo, ogni quanto tempo sono sottoposti a ispezioni ordinarie?

a) Ogni 5 anni.
b) Ogni 10 anni.
c) Sono esonerati dalle ispezioni ordinarie.

11. La licenza e gli altri documenti per le unità da diporto devono essere sempre tenuti a bordo in originale?

a) No, infatti è sufficiente avere le copie conformi all’originale, purché la navigazione avvenga tra porti nazionali (e comunitari).
b) No, infatti è sufficiente avere a bordo delle copie semplici.
c) Sì, salvo autorizzazione rilasciata dall’Ufficio d’Iscrizione.

12. Nella scala Douglas dello stato del mare la cifra 5 corrisponde a:

a) Molto mosso.
b) Molto agitato.
c) Agitato.

13. “Cazzare” viene usato per indicare:

a) Il fissaggio della scotta alla bugna.
b) Un errore durante una manovra a vela.
c) Tendere maggiormente una cima oppure una scotta.

14. In genere il tempo migliora se:

a) La pressione aumenta e la percentuale di umidità aumenta.
b) La pressione diminuisce e poi la percentuale di umidità diminuisce.
c) La pressione cresce ma la percentuale di umidità diminuisce.

15. Le basse pressioni si spostano generalmente:

a) Da O verso E.
b) Da E verso O.
c) Da N verso S.

21. Qual è la velocità di una barca che percorre 12 miglia in due ore?

a) 6 nodi all’ora.
b) 6 nodi.
c) 12 miglia all’ora.

22. Come si chiama la parte sommersa dello scafo?

a) Opera viva.
b) Opera morta.
c) Giardinetto.

23. Il Ketch si identifica per avere:

a) Un doppio strallo prodiero per potere alzare contemporaneamente due vele (yankee e trinchetta).
b) Due alberi, con quello di mezzana posto a poppavia del timone.
c) Due alberi, ma con quello di mezzana posto a pruavia del timone.

24. L’ancora che assomiglia ad un vomere si chiama:

a) Hall.
b) Bruce.
c) C.Q.R.

25. Perché in genere un motore entrobordo si surriscalda?

a) La presa a mare della pompa dell’acqua si è occlusa.
b) Perché si è rotta la pompa di iniezione.
c) Il filtro dell’olio si è sporcato.

26. Quando issate la randa dovete avere l’accortezza di:

a) Mollare la scotta e poi cazzare il vang.
b) Cazzare scotta e poi vang.
c) Mollare sia la scotta che il vang.

27. Come si chiama la lunghezza di catena o cavo dell’ancora filata nell’ancoraggio?

a) Lunghezza.
b) Marra.
c) Calumo.

28. Come si chiama il peso dell’imbarcazione corrispondente, per il principio di Archimede, al peso del volume del liquido spostato?

a) Pescaggio.
b) Immersione.
c) Dislocamento.

29. Di un’ancora che non tiene si dice che:

a) Ara.
b) Agguanta.
c) Fa testa.

30. In un normale motore marino moderno, l’elica gira agli stessi giri del motore?

a) Sì, sempre.
b) Solo al numero di giri corrispondenti ad una preselezionata velocità di crociera.
c) No, l’asse dell’elica infatti è mosso dal motore tramite il complesso riduttore/invertitore che ne riduce quindi il numero di giri.

31. Cosa significa “poggiare”?

a) Aumentare l’angolo della direzione di avanzamento della barca rispetto a quello della direzione del vento.
b) Mollare le scotte e quindi dare maggiore concavità alla forma delle vele.
c) Diminuire la tensione delle drizze delle vele issate.

32. Com’è chiamata la linea che separa l’opera viva dall’opera morta?

a) Linea di insellatura.
b) Linea di galleggiamento.
c) Linea di bordo libero.

33. In marcia avanti, portando la ruota del timone a sinistra, la poppa dell’imbarcazione:

a) Accosta a dritta.
b) Orza.
c) Accosta a sinistra.

34. Nella manovra di strambata è meglio:

a) Mollare al massimo la scotta della randa e quindi lasciare il boma libero di muoversi durante il cambio di mura.
b) Mollare il vang per poi far alzare il boma.
c) Tesare velocemente la scotta della randa portando il boma al centro poco prima che “brandeggi”, evitando così violenti contraccolpi.

35. Come si chiama il pavimento dell’imbarcazione?

a) Serretta.
b) Pagliolato.
c) Mura.

36. Quanto deve essere la lunghezza di catena filata nell’ancoraggio?

a) Non meno di 3-5 volte il fondale.
b) Due volte il fondale.
c) Quanto il fondale e in più 10 metri.

37. Qual è l’indicazione più evidente del corretto funzionamento del circuito di raffreddamento ad acqua marina?

a) La fuoriuscita continua di fiotti d’acqua dal condotto di scarico.
b) L’assenza di qualsiasi fuoriuscita di liquido dal condotto di scarico.
c) La fuoriuscita di condensa di acqua (fumo bianco) dal condotto di scarico.

38. Navigando di bolina quando il vento passa da 10 a 20 nodi, quanto aumenta la pressione sulle vele?

a) Triplica.
b) Raddoppia.
c) Quadruplica.

39. Un’unità a motore, di lunghezza inferiore a 50 metri, in navigazione notturna quali fanali deve mostrare?

a) Testa d’albero Bianco, Rosso a dritta, Verde a sinistra, e poi poppa Bianco.
b) Testa d’albero Bianco, Verde a dritta, Rosso a sinistra, e poi poppa Bianco.
c) Testa d’albero Rosso, Bianco a dritta, Verde a sinistra, e poi poppa Rosso.

40. La chiamata di soccorso è preceduta dalla parola:

a) SECURITÉ ripetuta tre volte.
b) PAN ripetuta tre volte.
c) MAYDAY ripetuta tre volte.

41. Cos’è lo stiramento del tessuto di una vela?

a) L’alterazione della forma originaria.
b) Un trattamento per irrobustire le vele.
c) Una modifica per migliorare le prestazioni di bolina.

42. In quali porti bisogna tenere la dritta sia entrando sia uscendo?

a) In tutti, eccetto Brindisi.
b) In nessun porto.
c) In tutti, eccetto Portoferraio.

43. Il GPS è obbligatorio?

a) No, ma è una dotazione consigliata e facoltativa.
b) Nella navigazione oltre le 50 miglia.
c) Nella navigazione oltre le 12 miglia.

44. Quale segnale mostra una nave all’ancora di giorno?

a) Un pallone nero.
b) Un cono a prua con il vertice in alto.
c) Un cilindro a prua.

45. Una barca che ha una lunghezza al galleggiamento di 7,6 metri quale velocità può raggiungere di bolina?

a) 7,6 nodi.
b) 6,7 nodi.
c) 5,8 nodi.

46. Per quali unità è obbligatorio l’E.P.I.R.B. come dotazione di sicurezza?

a) Imbarcazioni da diporto solo per navigazione oltre 50 miglia dalla costa.
b) Imbarcazioni per navigazione entro 50 miglia dalla costa.
c) Imbarcazioni da diporto che effettuano navigazione entro 6 miglia dalla costa.

47. Il canale radio Vhf utilizzato per le chiamate di soccorso è:

a) Canale 18.
b) Canale 68.
c) Canale 16.

48. Quando il vento diminuisce sensibilmente è preferibile spostare il carrello del fiocco:

a) Verso prua.
b) Verso poppa.
c) Lasciarlo nella stessa posizione.

49. Che cosa è la “grippia”?

a) Una cima che si lega all’anello dell’ancora ed evita quindi che l’ancora ari.
b) Una cima che si lega al diamante dell’ancora per facilitarne il recupero.
c) Una cima che si può legare al fuso per regolare l’ancoraggio.

50. Secondo il Regolamento al codice della nautica, quali sono i mezzi individuali di salvataggio?

a) Zattere di salvataggio.
b) Cinture di salvataggio per ogni persona imbarcata.
c) Un salvagente munito di una cima lunga 30 metri con una boetta luminosa, sistemato in un luogo di facile accesso.

51. Un’unità a propulsione meccanica in navigazione deve lasciare libera la rotta ad una unità che non governa?

a) Sì, sempre.
b) No, in nessun caso.
c) Solo se l’unità che non governa si trova a dritta.

52. Di che colore è una meda che indica pericolo isolato?

a) Di colore rosso.
b) Di colore nero con una o più bande orizzontali rosse.
c) Di colore giallo e con una banda nera.

53. Navigando in poppa piena:

a) Va tesata la drizza della randa.
b) Va tesato il vang.
c) Va tesata la drizza del fiocco.

54. Un peschereccio che pratica la pesca a strascico di giorno mostra:

a) Un cono.
b) Tre palloni.
c) Un bicono con i vertici uniti.

55. Cosa sono i meridiani?

a) Gli infiniti circoli minori che si dipartono parallelamente dall’equatore ai poli.
b) Gli infiniti semicircoli che uniscono i poli.
c) Gli infiniti semicircoli che si dipartono parallelamente dall’equatore per poi finire ai poli.

56. Quali sono le coordinate geografiche?

a) Nord, Sud, Est, Ovest.
b) Latitudine e longitudine.
c) Equatore e poi meridiano di Greenwich.

57. Come si chiama l’accessorio usato per dare volta alle cime?

a) Bitta.
b) Ordinata.
c) Puntale.

58. La randa rifiuta nella zona vicino all’albero:

a) Arretriamo il carrello della scotta del fiocco.
b) Laschiamo la drizza della randa.
c) Tesiamo la drizza della randa.

59. Cos’è il pulpito?

a) Parte rigida di sostegno della battagliola, a prora e poppa.
b) Parte flessibile, a sostegno della battagliola.
c) Sostegno del timone sul dritto di poppa.

60. Quale parte dell’imbarcazione è la sentina?

a) Lo spazio compreso tra la dritta e la sinistra dell’unità.
b) Lo spazio compreso tra la poppa e la prima paratia.
c) Lo spazio compreso tra il fondo dello scafo e il pagliolo.

61. La regolazione è corretta quando i segnavento sulle vele sono:

a) Paralleli alla base.
b) Paralleli all’inferitura.
c) Paralleli alla balumina.

62. Qual è l’organo del motore marino per alternare le fasi di moto “marcia avanti – folle – marcia indietro”?

a) L’astuccio.
b) Il giunto cardanico.
c) L’invertitore.

63. Il vento di Libeccio spira:

a) Verso Sud-Est.
b) Verso Sud-Ovest.
c) Da Sud-Ovest.

64. Quando la barca tende troppo all’orza, può essere che:

a) La randa sia troppo magra.
b) Il genoa abbia la balumina troppo chiusa.
c) La randa abbia poco svergolamento.

65. Come si chiama il vento che soffia verso 180°?

a) Tramontana.
b) Ostro.
c) Libeccio.

66. La condotta o la sosta di imbarcazione a motore senza copertura assicurativa:

a) È un reato per il quale è quindi previsto l’arresto oppure l’ammenda.
b) È un illecito amministrativo punito quindi con la sola ammenda.
c) Prevede una sanzione pecuniaria e anche il sequestro del natante.

67. Il fiocco avvolgibile ha la bugna posta in alto perché:

a) Ottimizza il flusso del vento alle andature portanti.
b) Consente un’omogenea riduzione del tessuto quando si avvolge.
c) Diminuisce la tendenza allo sbandamento con vento forte.

68. C’è l’obbligo di patente nautica per gli acquascooter?

a) No, mai.
b) Sì, sempre.
c) Sì, se di potenza superiore ai 40.8 cavalli.

69. In base a quali parametri si classificano le unità da diporto?

a) Solo la lunghezza fuori tutto.
b) Lunghezza fuori tutto, larghezza e poi altezza di costruzione.
c) Potenza dell’apparato motore, stazza e infine lunghezza fuori tutto.

70. Perché si usa il nylon come tessuto per gli spinnaker e i gennaker?

a) La sua elasticità permette di prendere la forma ottimale alla vela anche con pochissimo vento.
b) La sua rigidità permette la vela di non deformarsi anche con vento forte.
c) Ha un rapporto ottimale tra peso e resistenza per cui permette alla vela di prendere la giusta forma anche con un tessuto di basso peso.
Quando hai finito, clicca qui per scoprire le soluzioni al test! Allora, quante risposte conoscevi?

Related Post

Giornale Della Vela

Il Giornale della Vela nasce dall’idea di creare il primo giornale per gli appassionati di barche a vela e nautica in Italia e, nel corso degli anni, si è imposto come il principale mensile del settore e ha ampliato i suoi orizzonti in eventi e servizi affini: prove di barche, andamento del mercato, accessoristica, vacanze e luoghi da visitare, saloni ed eventi del settore, regate ed eventi sportivi.

Leave A Reply

Altro... Nautica
58 barche che vedrete ai saloni nautici e le fiere dove trovarle
Vestiti e accessori da barca per essere eleganti, ma soprattutto comodi
Amicizia, amore, passione: perché sono diventato un velista. Le vostre storie
Chiudi