Ammonite, performance e classe nel nuovo Southern Wind ShipyardTempo di lettura: 4'

0

Terzo esemplare di SW82 di Southern Wind Shipyard, Ammonite è la sintesi perfetta dei due precedenti, ma li supera in performance ed eleganza. Ecco foto e caratteristiche

by Emilio Martinelli; photo Carlo Baroncini

  

Avere un corpo sexy e l’anima competitiva. Il tutto racchiuso in una barca. E ovviamente non ci potrebbe essere miglior descrizione che quella scelta da Marcus Blackmore, imprenditore australiano del settore farmaceutico, per raccontare come doveva essere, e com’è, il suo nuovo sailing yacht che porta il nome di Ammonite.

Al varo attratto, forse, da una delle suddette qualità. O più semplicemente, perché nel porto di Cape Town sono di casa, c’era pure un leone marino, che ha seguito la messa in acqua dell’ennesimo yacht Southern Wind Shipyard. Fondato, giusto 25 anni fa, da Willy Persico, Southern Wind con Ammonite, dopo Feelin’ Good, varato nel luglio 2013, e Grande Orazio, sceso in mare nel gennaio 2014, porta a tre i suoi SW82.

Un terzo esemplare che, secondo l’ingegner Persico, è la perfetta sintesi tra i due precedenti esemplari che pure sono diversi tra loro. Feelin’ Good è infatti un RS, un Raised Saloon, mentre Grande Orazio è nella versione Flush Deck.

Identiche le firme per le linee di Farr Yacht Design e di Nauta Design per il concept generale della serie oltre che l’exterior e l’interior design dei due SW82, ma soluzioni e impostazioni diverse. Che vengono riassunte in Ammonite.

Ammonite eredita il meglio di due grandi yacht

“Da Grande Orazio”, spiega Willy Persico, “Ammonite ha ereditato la marcata attenzione alle performance. Con particolare riferimento alla configurazione del rigging con albero Southern Spars in carbonio alto modulo e sartiame in carbonio EC6+ oltre che per alcune soluzioni in coperta come il pacchetto racing winches.

Da Feelin’ Good invece eredita il comfort e la luminosità degli interni, grazie appunto alla configurazione del Raised Saloon”. Ma c’è un aspetto che, in assoluto, costituisce una novità per Southern Wind Shipyard e che fa la sua comparsa appunto su Ammonite: la lifting keel.

“È stata una richiesta dell’armatore. E per due ragioni. La prima, avere la possibilità di ormeggiare in bassi fondali quali sono quelli australiani dove la barca sarà di base. La seconda per migliorare le performance della barca”. Una novità quella della lifting keel, che ha richiesto interventi sulla struttura dell’imbarcazione. “Sono modifiche”, spiega Persico, “che non abbiamo limitato alla sola linea SW82, ma che abbiamo introdotto anche su una nuova linea di progetti fortemente orientati alle perfomance come il Custom Reichel Pugh 90, il cui varo è in programma dopo l’estate”.

Dettagli di stile

Consueta raffinata costruzione per scafo, coperta e strutture in sandwich composito con fibra di carbonio, resine epossidica con ibrido di vetro-E e Corecell, il tutto laminato con la tecnica dell’infusione, Ammonite propone l’organizzazione di coperta all’insegna dello spazio propria dei Southern Wind, con un tocco personale.

“I passavanti non hanno la finitura in teak. Una soluzione che, oltre a permettere un risparmio generale nel peso, e qui si aggiunge la scelta dell’armatore di avere candelieri e altre attrezzature di coperta in titanio, rende a mio parere la barca molto… giovane”, sottolinea Persico.

    

L’attrezzatura di coperta è in titanio per espresso desiderio dall’armatore

Per il resto l’organizzazione di coperta ha il pozzetto ospiti centrale con la discesa sottocoperta, seguito da uno spazio prendisole che precede il pozzetto di manovra con le due timonerie. A poppa, ancora spazio libero, sopra il garage del tender, una novità per un 82 piedi.

Interni

L’organizzazione e interni è secondo il “Southern Wind style” con la zona di poppa riservata all’equipaggio e alla cucina. Quindi, più a prua, una cabina doppia per gli ospiti e la zona “sociale” con il living da cui si accede a una cabina ospiti VIP e all’armatoriale.

Due lunghe finestrature a murata, l’alzata della tuga trasparente con vista a 270 gradi e il tettuccio con un inserto centrale, anche questo trasparente, assicurano all’open space del salone una grande luminosità. Un aspetto sottolineato dalla scelta di Nauta Design che per Ammonite ha sviluppato un nuovo stile d’arredo.

Il rovere sbiancato è esaltato da inserti in wengè e fibra di carbonio. Il gioco dei contrasti prosegue nella pelle color cioccolato, l’acciaio satinato, i grigi, i marroni e i gialli della tappezzeria.

“Abbiamo adottato questo nuovo stile rispetto ai precedenti SW82”, spiega Mario Pedol, con Massimo Gino fondatore di Nauta Design, “perché l’utilizzo di materiali chiari negli interni toglie un po’ di profondità visuale agli ambienti.

Da qui l’idea di scurire alcune zone e di marcare maggiormente il profilo, per esempio dei paglioli con un legno diverso, che da più movimento agli interni”. Uno stile che si distingue anche per scelta di art work molto particolari che rendono unico Ammonite, SW82 RS e terzo della serie SW82 che con le sue molte novità non solo tecniche, ma anche stilistiche, segna i festeggiamenti per i 25 anni di Southern Wind Shipyard.

  

AMMONITE
Loa 24.86 m Beam 5.91m
Draft 3.00/4.70 m
Displacement 41.5 t
Engine Steyr SE196 E35 190hp @3500rpm
Naval Architecture Farr Yacht Design
Concept, Exterior and Interior design Nauta Design
Shipyard Southern Wind Shipyard

 

Related Post

Top Yacht Design

The ambition of the Top Yacht Design publishing system is to enter into dialogue with owners and potential owners, with the world of designers and architects, with the yards and also with the companies that operate in the furnishing business. The result is that it will not only be a thoroughly enjoyable read but also an essential tool for sector professionals when it comes to keeping abreast with developments.

Leave A Reply

Altro... Nautica
Dahlak, 38 metri di semplicità ed eleganza
Nasce Benetti Now: per avere subito il tuo yacht custom
Anteprime: ecco Monte Carlo Yachts 96
Chiudi