Seajet 039 Platinum: l'antivegetativa ha superato l’esameTempo di lettura: 2'

0

I risultati del nostro test su un antifouling autolevigante dell’antivegetativa Seajet 039 Platinum. Siamo rimasti più che soddisfatti

Seajet 039 Platinum: l’antivegetativa
Sopra, la carena del Bavaria 42 dopo sei mesi di prova in mare dell’antivegetativa della Seajet. A destra, il particolare della chiglia e in basso a sinistra il barattolo della vernice usata.

Ecco il risultato della prova della antivegetativa della Seajet 039 Platinum, un’autolevigante ad alte prestazioni. L’abbiamo data su un’imbarcazione puramente da crociera, un Bavaria 43 del 1998. Il porto di ormeggio è Le Grazie, nel golfo di La Spezia. Una baia molto protetta, ma che a causa dell’intenso traffico di navi e delle numerose vasche di allevamento di pesci mette a dura prova le carene delle barche ormeggiate.

Seajet 039 Platinum: l’antivegetativa

IL TEST DELL’ANTIVEGETATIVA

La prova è incominciata a maggio, presso il cantiere Nautica 360 a Bocca di Magra. Abbiamo dato due mani su una carena che non viene portata al primer, cioè non eliminiamo tutti gli strati di antivegetativa esistente. Decidiamo di rasare al meglio lo scafo, rendendo omogena la superficie dell’opera viva. Applichiamo un aggrappante specifico fornito appositamente dalla Seajet. Dovrebbe in qualche modo sostituire la superficie del primer. Diamo la vernice a mano, si stende bene e riusciamo ad essere ugualmente omogenei e uniformi.

Il viaggio dopo la stesura di Seajet 039 Platinum

La barca rimane ferma in porto fino a luglio e ad agosto percorre circa 500 miglia tra Corsica e Argentario, rientrando a “casa” i primi di settembre. A metà ottobre la tririamo di nuovo in secca e appena esce dall’accqua ne apprezziamo i risultati. La superficie è perfetta non troviamo nessuna formazione biologica di tipo vegetale, come cozze e molluschi. La carena è liscia e presenta solo una piccola patina che si stacca al passaggio della mano. Ricordiamo però che la vernice è di tipo autolevigante, quindi in navigazione con l’attrito sull’acqua si “auto pulisce”, noi prima di tirarla su abbiamo fatto neanche mezzo miglio. L’unica zona leggermente aggredita è in prossimità dell’asse del timone, vicino alla losca. Vista la difficoltà nel raggiungere quello spazio con il rullo, suopponiamo che il motivo sia la mancanza di vernice sufficiente.

Ottimi risultati

La prova in mare di questa antivegetativa ha quindi dato ottimi risultati, in sei mesi di test. Abbiamo però verificato l’importanza di portare al primer la carena, soprattutto su scafi di oltre 10 anni. La superfice disomogena rischia di far perdere l’efficacia della vernice.

Giornale Della Vela

Il Giornale della Vela nasce dall’idea di creare il primo giornale per gli appassionati di barche a vela e nautica in Italia e, nel corso degli anni, si è imposto come il principale mensile del settore e ha ampliato i suoi orizzonti in eventi e servizi affini: prove di barche, andamento del mercato, accessoristica, vacanze e luoghi da visitare, saloni ed eventi del settore, regate ed eventi sportivi.

Leave A Reply

Altro... Nautica
Settembre in barca: è il momento per viaggiare all'insegna del risparmio
Al largo di Instanbul su Azuree 40: tutte le caratteristiche
Il concept per un innovativo yacht di Mulder Design
Chiudi