Una barca per dieci armatori: All together è la multiproprietà nauticaTempo di lettura: 2'

0

Compie dieci anni la All together, un Bavaria 40 usato in multiproprietà da dieci armatori. “Dividiamo le spese e la gestione”

Una barca per dieci armatori: All together è la multiproprietà nautica
All Together è il nome, quanto mai appropriato, del Bavaria 40.

Tutti insieme, appassionatamente. Questa storia è l’ennesima dimostrazione di come si possa navigare a costi ridotti, con un minimo di organizzazione. Nel 2001 Marco Bertacchini, assieme all’amico Antonio Clò, decide di acquistare una quota di un Bavaria 40, che dà il diritto all’utilizzo dell’imbarcazione per 6 settimane l’anno.

Una sorta di multiproprietà: “Ci siamo trovati a condividere la barca con soci da tutta Italia: Viterbo, Napoli e via dicendo – spiega Marco. – Quando lo raccontavamo ai nostri amici, stimolavamo la loro curiosità per una simile esperienza”. Per farla breve, anno dopo anno, ai soci che decidono di uscire dalla multiproprietà subentrano i conoscenti di Marco e Antonio.

Dopo dieci anni esatti, All Together – questo il nome, quanto mai appropriato, del Bavaria – è diventata una colonia vignolese, eccezion fatta per Stefano Podda, unico socio di Milano. Dieci persone, con rispettive famiglie, si dividono 8 quote. Su All Together si avvicendano 37 persone: “Ogni quota comprende 6 settimane di navigazione su base annuale – racconta Bertacchini – per cui la barca è impegnata 48 settimane l’anno. Le restanti 4 vengono impiegate per il rimessaggio”.

La gestione della barca

“Me ne occupo personalmente da 8 anni: faccio sì che tutto avvenga nella massima trasparenza. Per quanto riguarda le comunicazioni, utilizziamo la posta elettronica in modo che i messaggi siano visibili a tutti. Per i pagamenti utilizziamo un conto corrente comune le cui uscite, ovviamente, sono dimostrate da ricevute fiscali.

Chiunque utilizzi la barca, deve stilare un rapportino settimanale dove si scrive cosa c’è che non va a bordo ed eventualmente, cosa si è rotto”.

All Together è ormeggiata a Punta Ala, punto ideale di partenza per le vacanze dei vignolesi che dimostrano di non intendersi soltanto di ciliegie, ma di avere anche tanta passione per il mare. Annualmente, racconta Marco, ognuno dei dieci soci spende circa 2000 euro, tra posto barca e costi di manutenzione. Trentasette persone con il sorriso sulle labbra, grazie alla vela low-cost. Buon compleanno, All Together!

Related Post

Giornale Della Vela

Il Giornale della Vela nasce dall’idea di creare il primo giornale per gli appassionati di barche a vela e nautica in Italia e, nel corso degli anni, si è imposto come il principale mensile del settore e ha ampliato i suoi orizzonti in eventi e servizi affini: prove di barche, andamento del mercato, accessoristica, vacanze e luoghi da visitare, saloni ed eventi del settore, regate ed eventi sportivi.

Comments are closed.

Altro... Nautica
Come cambiano i Tp52: ecco le novità dell’Audi MedCup
Staffa, il novellino che attraversò l’Atlantico grazie alla tecnologia
Viaggio in barca a vela in Croazia e Montenegro, con Bruno Veronesi
Chiudi