Bruce Farr si riprende le regate: ecco il nuovo monotipo Farr 400Tempo di lettura: 2'

0

Per riconquistare la leadership delle classi monotipo, lo Studio di Bruce Farr ha disegnato il Farr 400, un moderno 12 metri che adotta le soluzioni dei prototipi

Bruce Farr si riprende le regate: ecco il nuovo Farr 400 monotipo
LE SUE MISURE Il Farr 400 ha una lunghezza fuori tutto di 11,80 metri (11,11 m al galleggiamento) e una larghezza di 3,42 m. La chiglia di 2464 chili influisce del 60% sul dislocamento, che è di 4130 kg; è retrattile, per ridurre l’immersione da 2,90 metri in navigazione a 1,98 m nel caso di entrata in porti con basso fondale. La superficie del piano velico, con la randa a testa quadra e lo spi asimmetrico, è di 102 metri quadrati di bolina e di 235 mq di poppa.

Farr 40, Platu 25, Mumm 30, Mumm 36. Sono alcune delle barche one design con cui Bruce Farr (il progettista neozelandese, trasferitosi ad Annapolis, Stati Uniti, che negli ultimi 30 anni ha vinto ogni tipo di regata, tranne la Coppa America) ha dominato per molto tempo la scena delle classi monotipo. Ora ci riprova con Farr 400. Infatti, negli ultimi anni, lo Studio Farr International ha perso il “monopolio” della categoria. Che è stata invasa dai vari Melges 24 e Melges 32 (progettati da Reichel- Pugh), RC44 (firmato da Russell Coutts e Andrej Justin) e altri ancora.

Se le vecchie glorie non bastano più

Il Farr 40, che per oltre dieci anni ha distribuito i titoli iridati più prestigiosi della vela in monotipo, comincia a sentire il peso degli anni (il primo esemplare fu varato nel 1997). Inizia a subire la concorrenza dei modelli di concezione più moderna, per esempio del pari misura Soto 40 (disegnato dall’argentino Javier Soto Acebal). Soto si è addirittura trovato un posto accanto ai Tp52 nell’importante circuito di regate dell’Audi MedCup. Per riprendersi il posto di leader, Bruce Farr ha deciso di ripetere l’operazione che gli regalò tanto successo quindici anni fa. Ha così ideato il Farr 400. Il primo esemplare, in costruzione presso Premier Composite Technologies di Dubai, sarà varato a primavera di quest’anno.

Sopra, il Soto 40 disegnato da Javier Soto Acebal, che ha stuzzicato Bruce Farr a progettare un nuovo 40’.

FARR 400: LOOK AGGRESSIVO

Il Farr 400 avrà lo scafo con lo spigolo a poppa, il bompresso per murare lo spi e il pozzetto asimmetrico, con il tambuccio decentrato, per velocizzare le manovre di issata e ammainata delle vele di prua. La barca, realizzata in sandwich di carbonio con anima in schiuma d’epoxy, è costruita in infusione. Avrà la barra del timone, ma, con un extra di 7.600 dollari (sul costo totale della barca di 395.000 $, vele ed elettronica esclusa) si potrà avere la doppia ruota. Il Farr 400 pesca 2,90 metri, ma la chiglia è retrattile per ridurre il pescaggio a 1,98 m. Si porterà in otto persone.
Andrea Falcon

Related Post

Giornale Della Vela

Il Giornale della Vela nasce dall’idea di creare il primo giornale per gli appassionati di barche a vela e nautica in Italia e, nel corso degli anni, si è imposto come il principale mensile del settore e ha ampliato i suoi orizzonti in eventi e servizi affini: prove di barche, andamento del mercato, accessoristica, vacanze e luoghi da visitare, saloni ed eventi del settore, regate ed eventi sportivi.

Leave A Reply

Altro... Caratteristiche Barche
Salona 41: assetto sportivo e interni personalizzabili
E adesso naviga! Ecco il nuovo Felci 44 Ocean Cruiser
Hanse 445: caratteristiche e prestazioni di una barca fatta su misura
Chiudi