Come diventare yacht designer?Tempo di lettura: 2'

0
Luca Bassani Antivari - Presidente di Wally
Luca Bassani Antivari – Presidente di Wally
photo Carlo Borlenghi
In architettura edile, che sia pubblica, commerciale o residenziale, è pressoché impossibile che un giovane senza aver seguito la necessaria scuola e conseguito esperienza, pretenda di presentare dei progetti completi. Sarebbe deriso dagli architetti non preso in considerazione dal mercato.
L’industria nautica è invece così poco professionale da accettare qualsiasi progetto presuntuosamente proposto da qualsiasi inesperto. Sarebbe importante che oltre alla passione, i ragazzi aspiranti yacht designer avessero l’umiltà di conoscere le barche, sia nell’utilizzo che nei processi di concezione e costruzione.
Questa conoscenza dovrebbe essere appresa con le diverse esperienze, scolastica, professionale e di navigazione. Dovrebbero pertanto lavorare in uno studio di progettazione e in un cantiere per capire da vicino le vere problematiche delle barche, dai fattori di sicurezza ai dettagli di qualità. Nel frattempo dovrebbero continuare a sviluppare le proprie capacità di utilizzo di computer e programmi di disegno e progettazione.
In questo modo, potrebbero presentarsi al momento giusto con tutti gli strumenti necessari per finalmente proporre un progetto. E certamente le prime proposte dovrebbero riguardare barche di dimensioni adeguate e non giga yacht pazzeschi, oltretutto con caratteristiche di scarsa navigabilità.
Infatti questi giovani creativi cercano di proporre subito soluzioni che vogliono stupire più che servire. E mentre concordo che le tecnologie contemporanee lasciano sognare soluzioni che migliorano la vita a bordo, non posso invece accettare soluzioni che stupiscono ma i cui problemi di realizzazione e navigabilità, vengono completamente lasciati risolvere ai veri esperti del mestiere. Troppo facile!
Una buona nuova idea non è solo nuova e originale (e non copiata!) ma deve contenere già i concetti base della sua fattibilità! Riassumendo, consiglio vivamente a tutti gli appassionati di architettura nautica di costruirsi il necessario background teorico e pratico prima di avventurarsi nel progetto completo di una barca. E non pensare che una buona conoscenza di computer e programmi di disegno sia sufficiente per proporsi come yacht designer. Il quale in realtà è il moderno Mastro d’Ascia e in tale qualità deve poter proporre tutta l’esperienza del Maestro.

Top Yacht Design

The ambition of the Top Yacht Design publishing system is to enter into dialogue with owners and potential owners, with the world of designers and architects, with the yards and also with the companies that operate in the furnishing business. The result is that it will not only be a thoroughly enjoyable read but also an essential tool for sector professionals when it comes to keeping abreast with developments.

Leave A Reply

Altro... Nautica
Uno yacht per armatori esigenti da Felci Yacht Design
Uno yacht da 57 metri firmato Luca Dini
WallyCento, uno yacht firmato Philippe Briand
Chiudi