Come tappare una falla a bordo della barca? La risposta al nostro Quiz velaTempo di lettura: 2'

0

Marco ha vinto il nostro Quiz vela, spiegando nel dettaglio come tappare una falla a bordo. Leggi cosa farebbe con la sua barca

Come tappare una falla a bordo della barca? La risposta al nostro Quiz vela
Incagliarsi non è mai piacevole. Anche se spesso non si fanno danni alla barca, se si è sfortunati e disattenti si possono correre molti rischi. Il mese scorso abbiamo pubblicato sul nostro sito www.giornaledellavela.com, il quiz in cui chiedevamo come tappare una falla a bordo.

Il testo del Quiz Vela: Come tappare una falla a bordo?

“Stai navigando a vela di bolina ad una velocità di 5/6 nodi con mare calmo. Improvvisamente un botto sordo sottovento. È una falla all’altezza del galleggiamento. L’urto con un oggetto non identificato ha prodotto una falla di circa 5/7 centimetri per 3/5 centimetri all’altezza del gavone sotto la panca del pozzetto (quindi facilmente accessibile). La falla si trova sulla linea di galleggiamento e si imbarca acqua. Va tappata in fretta e con cura, che fate?” Tra le tante risposte arrivate in redazione questo mese a vincere il nostro fantastico premio è Maro Ferro.

La risposta vincente: cosa farebbe Marco con la sua barca

Le dimensioni della falla ed il mare calmo mi permettono di tirare il fiato, è una situazione di emergenza gestibile e non grave. Tranquillizzo l’equipaggio e porto la falla sopravento distribuendo l’equipaggio in modo da tenere la parte lesionata il più in alto possibile. Faccio mente locale sulla rotta da tenere per raggiungere l’approdo più vicino.

Prima di tutto la sicurezza

Distribuisco i compiti ai membri dell’equipaggio in base alla loro esperienza e competenza. Tutti devono indossare il giubbotto salvagente. Si tengono a portata di mano tutti i dispositivi di sicurezza disponibili: canotto, razzi, Epirb ecc., sperando di non doverli usare. Si comunica alla Capitaneria la situazione di potenziale pericolo. Se necessario si attivata la pompa di sentina mentre un membro dell’equipaggio controlla il livello dell’acqua. Fatto ciò si passa a riparare la falla.

Ecco come tappare la falla

  1. Se dispongo di pasta turafalle dovrei riuscire tappare lo squarcio senza troppi problemi intervenendo dall’interno.
  2. In alternativa cerco i cunei in legno tenero che porto sempre a bordo. Con le pinze cerco di eliminare i bordi irregolari della falla e la chiudo dall’esterno, inserendo uno o più cunei con una mazzetta. All’occorrenza posso inserire degli stracci impermeabili per ottenere isolamento maggiore.
  3. Se malauguratamente non dovessi trovare i cunei in legno mi arrangio con materiali di recupero come stracci impermeabili: parti di un giubbotto salvagente o cunei ricavati dal mobiglio interno. Rientro di bolina, tenendo la falla sopravento fino a quando è possibile. La falla otturata deve essere sorvegliata a vista, qualora ricominci entrare acqua si ripetono le operazioni di riparazione. Sempre pronti a chiedere aiuto via radio, qualora la situazione diventasse critica si tiene alto l’umore dell’equipaggio con la promessa di una bel pasto caldo non appena rientrati in porto”.

Related Post

Giornale Della Vela

Il Giornale della Vela nasce dall’idea di creare il primo giornale per gli appassionati di barche a vela e nautica in Italia e, nel corso degli anni, si è imposto come il principale mensile del settore e ha ampliato i suoi orizzonti in eventi e servizi affini: prove di barche, andamento del mercato, accessoristica, vacanze e luoghi da visitare, saloni ed eventi del settore, regate ed eventi sportivi.

Leave A Reply

Altro... Nautica
Scrivere libri e vivere in barca: il racconto di Giacobbe, in porto a Genova
Ahi, serva Italia! Tra studi di nautica inutili e promesse a vuoto, è meglio andare via
Scopri quando cambiare (o rimettere in forma) la tua vela da crociera
Chiudi