Confronto tra 40 piedi: Elan 410, Dufour 405 GL e Beneateau Oceanis 40Tempo di lettura: 6'

0

Tre 12 metri diversi: Elan 410 punta sulle performance, Dufour 405 GL ha un pozzetto intelligente, Beneteau sfrutta il baglio per ottenere una grande dinette. Li abbiamo messi a confronto, ecco com’è andata Beneteau Oceanis 40

di Simon Mastrangelo

ELAN 410 CONFRONTO
Elan 410
Dufour 405 GL CONFRONTO
Dufour 405 Grand Large
Beneteau Oceanis 40
Beneteau Oceanis 40

LA NOSTRA IDEA: UN CONFRONTO TRA ELAN 410, DUFOUR 405 GL E BENETEAU OCEANIS 40

Perché un confronto proprio tra 40 piedi? Perché è nella fascia tra i 10 e i 12 metri che si concentrano i desideri dei diportisti italiani. Lo dicono i freddi dati statistici: quasi il 50% del naviglio da diporto iscritto negli uffici marittimi rientra nella categoria 10/12 metri, con una preminenza della seconda lunghezza sulla prima. Lo dice l’impegno che i cantieri stanno mettendo nel rendere i 40 piedi sempre più vivibili, seguendo le richieste dei futuri armatori. Da qui l’idea di fare un’incursione nel mercato della cantieristica di serie per vedere quali sono le alternative. Abbiamo scelto, tra i più quotati, tre filosofie diverse: il Beneteau Oceanis 40, l’Elan 410 e il Dufour 405 GL.

Partiamo dal Dufour 405 Grand Large

D’obbligo partire da quest’ultimo vista la vittoria nella categoria family cruiser all’European Yacht of the Year 2010 con il giudizio “good looking, good sailing, good solutions, good build quality (for her class), good price”. Un risultato frutto dell’intelligente strategia del cantiere d’Oltralpe che ha saputo, con la linea “GL”, unire i costi contenuti e le volumetrie generose tipiche di marchi come Beneteau e Hanse a prestazioni e stile di fascia di prezzo superiore. Una ricetta che sposa ingredienti raffinati come le linee d’acqua di Umberto Felci, noto per progetti “tirati”, con sapori genuini e più semplici.

Il progetto di Umberto Felci

Ad esempio lo scafo monolitico a laminazione manuale con resina poliestere e controstampo strutturale (lavorazione più economica ma più pesante). Lo stesso vale per gli interni dove tecniche proprie della produzione seriale (come il mobilio tagliato a controllo numerico) sono associate a finiture accurate. Attenzione che ritroviamo nell’equilibrio tra design e funzionalità. Esercizio riuscito per la plancetta che si chiude restituendo purezza allo specchio di poppa e per la tuga che, è proporzionata e resa filante dalle finestrature.

CONFRONTO TRA POZZETTI

Dufour 405 GL confronto
Dufour 405 GL
Oceanis 40 confronto
Oceanis 40
Croce e delizia di ogni progettista, il pozzetto è il luogo dell’eterna battaglia tra le esigenze della navigazione, della balneazione e della piacevolezza estetica. Il Dufour 405 GL, come l’Oceanis 40, propone una soluzione con due ruote del timone che facilitano il passaggio dal pozzetto alla plancetta di poppa. Quest’ultima convince i più “chic”, con una chiusura a scomparsa che non deturpa la pulizia dello specchio di poppa, e i più attenti alla sicurezza con un vano apposito per la zattera di salvataggio.

Elan 410 sceglie un timone ampio

L’ampio pozzetto è diviso da un tavolo utile in rada per il convivio e in navigazione, vista la distanza tra le sedute, per puntellarsi sottovento. Il carrello randa sopra alla tuga e i winch genoa ai lati della timoneria sono pensati per un uso crocieristico: facilità di conduzione in equipaggio ridotto e passaggi liberi da intralci. Approccio diverso per l’Elan 410 con ruota del timone singola larga quanto il pozzetto: utile al timoniere per mantenere in navigazione una presa ottimale, crea qualche difficoltà per il passaggio a poppa all’ancora.

Elan 410

LA DINETTE DI BENETEAU OCEANIS 40

Maestro del rapporto spazio/prezzo Beneteau ha lavorato negli ultimi anni sulla qualità dei suoi metri cubi e cioè sul comfort. L’interno dell’Oceanis 40 progettato da Nauta Design ne è un esempio. Sfrutta il baglio massimo prolungato e le murate quasi verticali dello scafo creando una zona giorno, dinette a U e divano contrapposto con alle spalle la cucina a murata, spaziosa e luminosa grazie alle ampie finestrature sulla tuga. Quest’ultima comprime con la sua dimensione i passavanti e la zona di coperta a proravia del tambuccio, ma non il pozzetto.

Una superficie velica contenuta

Simile nella disposizione a quello del Dufour 405 GL, il pozzetto è ben studiato per la crociera con un tavolo ampio e solido corredato di tientibene e di una abat-jour per l’illuminazione. L’Oceanis 40, tra le barche a confronto, è quello con la superficie velica relativa (rapporto tra superficie velica e dislocamento) più contenuta, che da un lato rende lo scafo meno brillante con venti leggeri e dall’altro permette di ottenere un pescaggio più ridotto (1,90 standard – 1,50 opzionale): si perde qualche posizione in navigazione, ma si arriva davanti in rada.

Dufour 405 GL

Alla ricerca dello spazio

La dinette è l’osservato speciale dei saloni nautici. I visitatori misurano con accuratezza “spannometrica” il numero di persone che stanno sul divano, le portate che contiene il tavolo e la facilità di entrata/uscita dalle sedute. Beneteau sembra aver osservato con attenzione questi comportamenti. Ha aumentato la dimensione della dinette prolungandola verso poppa con una chaise longue e ha sviluppato un tavolo pieghevole per facilitare la disposizione degli ospiti intorno al piano di appoggio. Stessa attenzione per la seduta di babordo che scorre verso l’interno per liberare il passaggio. Nella versione due cabine con cucina a L si guadagna un divano a murata.

LA COPERTA

Oceanis 40
L’Elan 410, più vicina alle linee “race” di Dufour e Beneteau (rispettivamente rappresentate dai modelli Performance 40E e First 40), è un perfetto esempio di barca crociera-regata. In questo caso i fattori tecnici ci permettono di entrare nel merito delle differenze con i modelli più crocieristici Oceanis e Dufour GL. Lo scafo sloveno si distingue per una notevole superficie velica, più zavorra in chiglia, entrate di prua sottili e un inferiore coefficiente di finezza (dislocamento in relazione alla lunghezza) ottenuto con scafo in sandwich (più leggero ma più costoso per l’acquirente).

Una barca reattiva

Nella pratica velica questo vuol dire: barca reattiva e boliniera con poco vento e rigida alla tela all’aumentare dell’aria. Un diportista medio prima di guardare le prestazioni “pure” dovrebbe valutare il piacere di guida dato dalla sfruttabilità della “potenza” di un mezzo. L’Elan 410 è un buon esempio di equilibrio. La barca, mai estrema, è gestibile in equipaggio ridotto (il timoniere controlla direttamente paterazzo, scotta e carrello randa) come in regata grazie alla giusta disposizione delle manovre.

Dufour 405 GL La tuga di buona dimensione aumenta gli spazi interni pur mantenendo una buona linea estetica e degli spazi di movimento intorno alla coperta.
Elan 410 Simbolo di una razionale bellezza la coperta è armonizzata con le necessità della regata. Le manovre (spi simmetrico, asimmetrico, barber, ecc) sono tutte previste e quando possibile dissimulate o nascoste.

Tutto ciò che serve c’è ma non si vede

Le coperte delle barche da regata sono spesso “segnate” dalle esigenze della competizione. Non sempre si riesce ad armonizzare la pluralità di manovre necessarie per la conduzione del mezzo in regata con le esigenze estetiche, e non solo (basta pensare al rischio “inciampo”), della crociera.

Elan 410: bella e pratica

Il progettista dell’Elan 410, Rob Humphreys, ha valutato con attenzione il binomio estetica/funzione inserendo tutti gli elementi necessari mimetizzandoli con le forme. Le manovre che dal piede d’albero vanno ai winch ai lati del tambuccio corrono incassate, così come la scotta della randa alla tedesca, il caricabasso del tangone e tutti gli oblò (soluzione necessaria per evitare che in regata si incattivisca qualche cima). Disposizione diversa per l’Oceanis e il Dufour che presentano solo una parziale copertura delle manovre e l’assenza di oblò incassati non necessari per la crociera.
 
 

Related Post

Giornale Della Vela

Il Giornale della Vela nasce dall’idea di creare il primo giornale per gli appassionati di barche a vela e nautica in Italia e, nel corso degli anni, si è imposto come il principale mensile del settore e ha ampliato i suoi orizzonti in eventi e servizi affini: prove di barche, andamento del mercato, accessoristica, vacanze e luoghi da visitare, saloni ed eventi del settore, regate ed eventi sportivi.

Leave A Reply

Altro... Nautica
Hydroptère punta ai record: alla conquista del giro del mondo
Vhf di bordo: le nostre scelte per modelli fissi economici
Advanced A66: elegante, comodo e personalizzabile. Ecco le caratteristiche
Chiudi