Decreto Sviluppo, ecco le novità per porti e velaTempo di lettura: 3'

0

La bozza del decreto Sviluppo, da convertire in legge, contiene diverse norma riguardanti i porti e il mondo della vela. Ecco un’analisi per punti

Decreto Sviluppo, ecco le norme su porti e vela

Nel decreto Legge Sviluppo appena varato dal governo ci sono diverse norme che riguardano i porti e la vela in generale. Tra queste, ci sono precisi articoli in favore del riutilizzo di aree portuali inutilizzate a favore del diporto, sull’uso dei pontili galleggianti . Dovrebbero portare 40.000 nuovi posti barca, soprattutto al Sud.

Le parole di Anton Francesco Albertoni, presidente di Ucina, pubblicate sul Corriere della sera il 28 aprile scorso rivolte a Silvio Berlusconi non sono cadute nel dimenticatoio. Finalmente il Governo, nel decreto Legge Sviluppo, ha dedicato alcune norme al settore della nautica che, dati alla mano, rappresenta la quinta fonte di entrate del bilancio italiano.

Riutilizzo dei porti dimenticati

Il primo dei cinque punti fondamentali sulla nautica nel decreto rappresenta un’importante novità: la proposta di destinare le aree portuali inutilizzate alla nautica da diporto, ricavando (secondo le previsioni di Governo e Ucina) circa 40.000 posti barca e 10.000 nuovi posti di lavoro nei servizi. Un provvedimento a favore della piccola e media nautica da diporto: potranno essere trasformate in banchine e porticcioli turistici le aree considerate non strategiche, ovviamente, per lo sviluppo mercantile e commerciale.

Meno burocrazia per i nuovi pontili galleggianti

A questa novità si ricollega il secondo punto: l’eliminazione della licenza edilizia per la costruzione di pontili galleggianti. Basterà ottenere la concessione demaniale e la valutazione positiva di impatto ambientale: “Fino ad oggi il sistema era farraginoso – ha spiegato Albertoni – ed iniquo. I pontili galleggianti sono strutture amovibili.

Era come se una roulotte in un campeggio, oltre all’affitto della piazzola, avesse dovuto pagare anche la concessione edilizia”. Bene, ma come attrarre investitori?

Spazio al project financing

Per il senatore Luigi Grillo il project financing rappresenta la strada giusta. “Abbiamo inserito nel decreto una norma per favorire l’ingresso dei privati nella realizzazione di infrastrutture. Il privato potrà, a sue spese, proporre di costruire e gestire un’opera non prevista del piano regolatore del comune in questione.

Se l’amministrazione locale valuterà la proposta positivamente, l’ente privato godrà dello status di promotore dell’iniziativa. C’è la possibilità – a discrezione dell’ente pubblico – che ottenga la prelazione nel successivo bando di gara”. Anche la realizzazione di porticcioli a secco rientra nelle agevolazioni previste dalla proposta.

Concessioni turistiche

Altra norma di indirizzo programmatico inserita nel decreto è quella relativa all’individuazione di “regole comuni” per le concessioni portuali turistiche. Spetterà ad un successivo accordo tra Stato e Regioni la determinazione di tali regole, come ad esempio la durata temporale delle concessioni.

Sopra i 24 metri

Nel decreto, che dovrà essere convertito in legge dal Parlamento entro il 9 luglio, sono contenuti anche provvedimenti in favore della grande nautica. La modifica degli articoli 1 e 2 del Codice della Nautica da Diporto comporta l’inserimento in quest’ultimo delle imbarcazioni superiori ai 24 metri, fino ad oggi soggette alle regole stabilite dal Codice della Marina Mercantile. Sarebbe una notevole semplificazione, ad esempio perché per entrare ed uscire dal porto, una barca superiore ai 24 metri doveva necessariamente chiedere l’intervento di un pilota.

Eugenio Ruocco

Related Post

Giornale Della Vela

Il Giornale della Vela nasce dall’idea di creare il primo giornale per gli appassionati di barche a vela e nautica in Italia e, nel corso degli anni, si è imposto come il principale mensile del settore e ha ampliato i suoi orizzonti in eventi e servizi affini: prove di barche, andamento del mercato, accessoristica, vacanze e luoghi da visitare, saloni ed eventi del settore, regate ed eventi sportivi.

Leave A Reply

Altro... Nautica
V 50.02 Hybrid, con Vismara l’ibrido a vela diventa realtà
Bollettino Meteomar, basta alle previsioni sbagliate!
Nuovi catamarani: Havana 60 e Sunreef 82 Double Deck
Chiudi