Explorer yacht: non è solo una moda. L’editoriale by Matteo ZaccagninoTempo di lettura: 2'

0

Top Yacht Design si lancia alla scoperta degli explorer yacht. Un fenomeno con origini più antiche di quanto possiate immaginare e che non è solo una moda

Editoriale a cura di Matteo Zaccagnino

Le intenzioni erano di tracciare i confini di un fenomeno che solo negli ultimi due anni ha conosciuto una crescita vigorosa. Ma, andando avanti con la raccolta delle informazioni, il perimetro del lavoro di ricerca si è esteso a dismisura. Il tema legato al fenomeno degli explorer yacht non può essere liquidato come una moda passeggera. Ha radici molto profonde che arrivano da lontano.

All’origine degli explorer

Il lavoro d’indagine compiuto ha fatto emergere un dato. I primi veri “esploratori” del Sesto Continente risalgono alla fine del XIX secolo. Più precisamente, ad Alberto I di Monaco. Questi, a bordo di Hirondelle I, diede vita alla prima di una serie di campagne oceanografiche compiuta a bordo di un’unità, in origine una nave militare, che il principe convertì per questo utilizzo.

Qualche anno più tardi il tema della navigazione in luoghi remoti e lontani affascinò William Vanderbilt. Questi, prima su Ara, una corvetta di 63 metri anch’essa trasformata in yacht, e a seguire su Alva megayacht di 80 metri, compì ben due giri del mondo. Furono proprio Alberto I di Monaco e Vanderbilt a piantare il seme di una pianta che oggi ci sta regalando tantissimi frutti e storie da raccontare. Come quelle legate a Itasca e F-100 che negli anni 80 consacrarono quella che oggi è diventata qualcosa di più di una tendenza.

Quali sono le ragioni dietro a questo successo?

La crisi che ha colpito il settore nel 2008 ha favorito il ritorno di una clientela competente e consapevole di cosa significhi navigare. Poi, la formula explorer, sta guadagnando consensi in un’offerta nella quale la scena era dominata dalle navette. E così su una fascia di mercato compresa tra gli 80 e i 130 piedi le opzioni non mancano, come testimonia il successo del Cantiere delle Marche.

Lo scopo dell’ampio dossier che caratterizza questo numero di Top Yacht Design nasce prima di tutto con l’idea di fare chiarezza sul concetto di un termine, Explorer, a volte usato in modo discriminato. In secondo luogo la panoramica dei progetti selezionati per documentare il dossier non sono solo concept o proposte di studi di design, ma in molti casi rappresentano realtà che a breve vedremo scendere in acqua. E siamo solo agli inizi.

Top Yacht Design

The ambition of the Top Yacht Design publishing system is to enter into dialogue with owners and potential owners, with the world of designers and architects, with the yards and also with the companies that operate in the furnishing business. The result is that it will not only be a thoroughly enjoyable read but also an essential tool for sector professionals when it comes to keeping abreast with developments.

Leave A Reply

Altro... Nautica
L’evoluzione della progettazione navale: com’è cambiato lo yacht design
Xplore 70: l’explorer yacht firmato Nigel Irens abbina potenza e comfort
L’Ac Class vista da chi la costruisce: dentro la Persico Marine
Chiudi