Hydroptère punta ai record: alla conquista del giro del mondoTempo di lettura: 2'

0

L’Hydroptère.ch è un prototipo lungo 10,85 metri e largo 10,40. Serve come modello di prova per realizzare entro il 2014 un esemplare uguale, ma grande il triplo, che completerà il giro del mondo in tempi record

di Andrea Falcon

Hydroptère si lancia alla conquista del giro del mondo record
Gilles Martin-Raget/L’Hydroptère

Alain Thébault, francese, detiene i record mondiali di velocità con Hydroptère. Ha raggiunto 51,36 nodi su una base di 500 metri e 50,17 nodi sul miglio nautico (stabiliti nel 2009). Ora vuole andare oltre, in oceano. Il suo sogno è disintegrare il primato di traversata atlantica del maxi trimarano Banque Populaire (3 giorni e 15 ore, per una media di 32,94 nodi). Un altro è la circumnavigazione del globo. Questo record detenuto dal maxi trimarano Groupama3 (48 giorni, a una media di 18,76 nodi). Entro il 2014 quindi realizzerà l’Hydroptère maxi, per completare il giro del mondo in meno di 40 giorni.

PRONTO IL PROTOTIPO DI HYDROPTÈRE

Il primo passo è già stato compiuto perché, sul lago di Ginevra, Thébault ha appena varato L’Hydroptère.ch. È un prototipo costruito in Svizzera da Decision SA (il cantiere di Alinghi). Lungo 10,85 metri, largo 10,40 m, con un albero di 20 metri e una superficie velica di 155 metri quadrati di bolina e 200 mq al lasco, è una versione in scala 1:3 del futuro Hydroptère maxi. Con questo esemplare sperimenterà le innovazioni che saranno adottate dalla barca dei record. Tra queste, foil retrattili, timoni con alette regolabili e prue a volume variabile. Nel frattempo, se qualcuno dovesse “provocarlo” privandolo dei record di velocità che gli appartengono, Thébault userà l’Hydroptère.ch per portare il limite a 54 nodi.

L’HYDROPTÈRE: UNA STORIA DI RECORD

Hydroptère punta ai record: alla conquista del giro del mondo
Folgorato dal principio di Archimede, sin dai suoi giorni sui banchi di scuola Alain Thébault sogna di far volare sull’acqua una barca a vela. Da grande, dopo dieci anni di studi, vara l’Hydroptère (nella foto), un trimarano di 18 metri, largo 24, dotato di foil, che nel 2005 attraversa la Manica in 34 minuti a una media di 33 nodi di velocità. Nel 2009 stabilisce due nuovi record mondiali: 51,36 nodi di velocità sulla base misurata di 500 metri e 50,17 sul miglio nautico. A quel punto, con il suo design team, nel quale figurano anche otto ingegneri aerospaziali in pensione, che hanno accesso ai simulatori dell’Airbus, inizia l’avventura dell’Hydroptère maxi, che nel 2014 dovrebbe circumnavigare il globo in meno di 40 giorni.

Related Post

Giornale Della Vela

Il Giornale della Vela nasce dall’idea di creare il primo giornale per gli appassionati di barche a vela e nautica in Italia e, nel corso degli anni, si è imposto come il principale mensile del settore e ha ampliato i suoi orizzonti in eventi e servizi affini: prove di barche, andamento del mercato, accessoristica, vacanze e luoghi da visitare, saloni ed eventi del settore, regate ed eventi sportivi.

Leave A Reply

Altro... Nautica
Vhf di bordo: le nostre scelte per modelli fissi economici
Advanced A66: elegante, comodo e personalizzabile. Ecco le caratteristiche
Truffa all'italiana: un'area protetta senza boe (e il velista paga una multa salata)
Chiudi