Optimist Nationals Cup, testata una wingsail per i bambiniTempo di lettura: 1'

0

Durante la Toyota Optimist Nationals Cup, in Nuova Zelanda, è stata testata sulla piccola deriva dei bambini la wingsail, vela alare. E se fosse il futuro?

Optimist Nationals Cup, testata una wingsail per i bambini
Un momento del primo test, che si è svolto in Nuova Zelanda, dell’optimist con la vela alare. Nel riquadro il trimarano di Oracle che ha vinto l’America’s Cup.

L’avevamo ammirata solo durante l’ultima sfida tra multiscafi di Coppa America. Cosa? La wingsail (la cosiddetta vela alare) che ha portato Oracle a una vittoria impressionante contro Alinghi. Sembrava irraggiungibile per i comuni mortali, e invece forse… Durante la Toyota Optimist Nationals Cup in Nuova Zelanda, si sono viste molte facce da Coppa America: erano in cerca di nuovi talenti?

Forse sì, ma erano presenti anche per “giocare” a testare una curiosa vela tipo wingsail per la piccola deriva per i bambini. Esattamente, la vela che ha fatto tanto parlare nell’ultima America’s Cup, è stata armata con un insolito rig anche sull’optimist.

A sorvegliare le prime prove della wingsail Oracle Racing è stato il direttore tecnico Mike Drummond. Ha controllato l’armo di base della deriva sulla spiaggia di Devonport e poi ha lanciato in mare il primo bimbo con il primo Optimist “wingsail”. Per ora un prototipo, soprattutto per il costo, ma chissà…

Related Post

Giornale Della Vela

Il Giornale della Vela nasce dall’idea di creare il primo giornale per gli appassionati di barche a vela e nautica in Italia e, nel corso degli anni, si è imposto come il principale mensile del settore e ha ampliato i suoi orizzonti in eventi e servizi affini: prove di barche, andamento del mercato, accessoristica, vacanze e luoghi da visitare, saloni ed eventi del settore, regate ed eventi sportivi.

Leave A Reply

Altro... Nautica
Speciale accessori: il tendalino a energia solare e il mini fornello
La regata per le barche del Whitbread, il giro del mondo anni Settanta
Una regata mozzafiato: perché andare a Cowes vale il viaggio
Chiudi