Passerella in carbonio, ecco l’antifurto che aspettavamoTempo di lettura: 2'

0

Exit Engineering ha inventato un sistema a chiave che blocca la passerella in carbonio, per evitare che qualche invidioso la rubi

antifurto passerella in carbonio Exit Engineering.
Una passerella in carbonio realizzata dalla Exit Engineering. Possono avere diverse personalizzazioni, ma il loro punto di forza rimane il peso bassissimo.

La passerella in carbonio è stata per anni uno status symbol dei maxi yacht più esclusivi. Oggi fortunatamente i prezzi sono scesi e sono diventate accessibili anche su barche “normali”. Pioniere di questa categoria di prodotti è la Exit Engineering che realizza passerelle in carbonio di ogni modello, tipo e dimensione.

Visto il costo della passerella, che comunque non è indifferente, il team della Exit si è inventata anche un sistema di “antifurto”. Questo per evitare che durante la sosta in porto qualche invidioso possa letteralmente rubare la passerella.

La serratura anti furto

Si tratta di una vera e propria serratura realizzata in acciaio inox, da montare in coperta in prossimità del foro per l’alloggiamento della passerella. Funziona con un sistema a chiave che chiude e la blocca a bordo, evitando che qualcuno possa portarla via di nascosto. Adattabile a tutti i modelli della Exit Engineering comporta un montaggio semplice e veloce.

Tra i nuovi modelli presentati dall’azienda veneta anche un modello di passerella con piano di calpestio in teak e personalizzabile anche con delle luci a led sui lati. Per capire il vantaggio dell’uso del carbonio un modello che può portare un carico massimo di 350 kg arriva a pesare sol 6,9 chilogrammi.

Exit Engineering, Via Industria 43, 30010 Camponogara (VE), tel 041 8948038 www.exitengineering.com

Un particolare della serratura per la passerella messa a punto dalla Exit Engineering per evitare i furti in banchina. L’installazione è semplice, a lato del foro per l’alloggiamento della stessa passerella.

In alternativa, puoi provare la passerella gonfiabile.

Related Post

Giornale Della Vela

Il Giornale della Vela nasce dall’idea di creare il primo giornale per gli appassionati di barche a vela e nautica in Italia e, nel corso degli anni, si è imposto come il principale mensile del settore e ha ampliato i suoi orizzonti in eventi e servizi affini: prove di barche, andamento del mercato, accessoristica, vacanze e luoghi da visitare, saloni ed eventi del settore, regate ed eventi sportivi.

Leave A Reply

Altro... Nautica
Matteo Picchio, il designer innamorato delle barche d’epoca
Rossinavi presenta Vector, 62 metri di pura aggressività
Southern Wind Shipyard compie 25 anni: ecco la sua storia
Chiudi