Una prua che sembra una poppa: esperimento in Mini 650. Funzionerà?Tempo di lettura: 2'

0

La Classe Mini650 da sempre luogo di sperimentazione per carene, linee d’acqua e piani velici, accoglie oggi la nuova sfida della prua “non-prua” di David Raison

Una prua che sembra un poppa: esperimento in Mini650. Funzionerà?
Pascal Chombart De Lauwe

Ancora una volta la Classe Mini650 è il banco di prova per un’innovazione, questa volta al limite della stravaganza. Eppure potrà influenzare, se dimostrerà la sua validità, tutte le altre classi oceaniche come già successo con la canting keel ormai molto diffusa sugli Open 60 e i VOR 70. Ogni rivoluzione, o supposta tale, ha un nome: questa porta la firma dello skipper David Raison, secondo nella Transat650 del 2003 tra le barche di serie, e del suo Mini650 Magnum. Invertendo completamente la tendenza di affilare il più possibile il dritto di prua, la barca di Raison ha al posto della zona prodiera “tradizionale” una specie di mezzo pallone da rugby orizzontale facile da confondere con una poppa.

Una non-prua che sembra una poppa

Dato per scontato che questa “non-prua” non è una bellezza, capiamo dove nasce. La risposta è nelle parole dello stesso Raison: “Ho disegnato e testato con l’aiuto del computer, tra il 2005 e il 2008, una decina di linee d’acqua. Sono partito sia dalle soluzioni già adottate per i Mini650 più veloci, sia sperimentando nuove forme senza tabù progettuali”. In questo paniere di barche emerge come più performante proprio uno scafo ispirato agli Scow dei laghi del Nord-America. Quelli che da oltre 100 anni hanno nelle carene piatte con una prua tronca il loro elemento distintivo.

L’illuminazione!

Raison, “illuminato” da questo esperimento progettuale e confortato dal fatto che ci sono pochi monoscafi più performanti degli Scow, costruisce il suo Magnum. Ipotizza che a parità di condizioni meteo, possa portare il 20% di superficie velica in più rispetto a un Mini650 tradizionale.
L’approccio è coraggioso e non privo di fascino, ma anche convincente? Più che alle andature portanti le perplessità nascono sulla bolina con mare formato. Il fitto programma di regate di Raison ci darà la risposta.

Simon Mastrangelo

Una prua che sembra un poppa: esperimento in Mini650. Funzionerà?
“LA PURE GLISSE” Il Mini650 747-Magnum di David Raison aggiunge alle tradizionali linee di carena degli scafi Open più moderni, con spigolo di poppa, una prua anticonvenzionale piatta e larga, ispirata agli Scow del Nord-America. Soluzione che dovrebbe garantire prestazioni impressionanti alle andature portanti. Come dice Raison “la pure glisse” (“planata allo stato puro”).

 

Related Post

Giornale Della Vela

Il Giornale della Vela nasce dall’idea di creare il primo giornale per gli appassionati di barche a vela e nautica in Italia e, nel corso degli anni, si è imposto come il principale mensile del settore e ha ampliato i suoi orizzonti in eventi e servizi affini: prove di barche, andamento del mercato, accessoristica, vacanze e luoghi da visitare, saloni ed eventi del settore, regate ed eventi sportivi.

Leave A Reply

Altro... Nautica
Long distance per derive: ecco il calendario delle regate 2010
Sa Pischedda: il nostro ristorante per mangiare bene in Sardegna
Mobili outdoor: tante idee per un look minimal, elegante e naturale
Chiudi