Una regata mozzafiato: perché andare a Cowes vale il viaggioTempo di lettura: 1'

0

Assistere alla Fastnet Race, la celebre regata di Cowes, è un’occasione unica: non solo per l’adrenalina, ma anche per la bellezza dell’Isola di Wight

Una regata mozzafiato: perché andare a Cowes vale il viaggio fastnet race

Volete trascorrere una settimana diversa e lontana dalle solite rotte? Allora andate ad assistere alla FastnetRace, la spettacolare regata che prende il via da Cowes, Isola di Wight.

Come arrivarci… in sicurezza

Prendete un aereo low cost per Londra e noleggiate una macchina o prendete il treno fino a Southampton. Di fronte a voi troverete l’Isola di Wight col porto di Cowes, uno dei luoghi sacri dello yachting. Qui, il 14 agosto, partirà la Fastnet Race (http://www.rolexfastnetrace.com/), la regata d’altura che da Cowes porta i partecipanti fino al mitico faro a sud dell’Irlanda e ritorno.

Non siete costretti a lanciarvi in questa galoppata (una delle caratteristiche che ha reso mitico questo avvenimento sono le condizioni meteo, spesso dure). M avrete la possibilità di vedere le oltre 350 barche già iscritte e di visitare una magnifica isola.

Diffidate invece se qualcuno vi propone di andare direttamente in Irlanda, magari affittare una barca per dirigervi al faro del Fastnet… L’oceano da quelle parti è quasi sempre agitato e con onde incrociate: rischiate di “ballare” un bel po’!

Related Post

Giornale Della Vela

Il Giornale della Vela nasce dall’idea di creare il primo giornale per gli appassionati di barche a vela e nautica in Italia e, nel corso degli anni, si è imposto come il principale mensile del settore e ha ampliato i suoi orizzonti in eventi e servizi affini: prove di barche, andamento del mercato, accessoristica, vacanze e luoghi da visitare, saloni ed eventi del settore, regate ed eventi sportivi.

Leave A Reply

Altro... Nautica
Una barca per dieci armatori: All together è la multiproprietà nautica
Come cambiano i Tp52: ecco le novità dell’Audi MedCup
Staffa, il novellino che attraversò l’Atlantico grazie alla tecnologia
Chiudi