Venti di guerra alle Regate Pirelli: esclusi gli armatori di barche medieTempo di lettura: 3'

0

La parola degli armatori di barche di 10 metri, delusi perché esclusi dalla festa delle Regate Pirelli

di Andrea Falcon

Venti di guerra alle Regate Pirelli: esclusi gli armatori di barche medie
AVANTI COSÌ Anche quest’anno ci saranno regate con barche iscritte sia in IRC, sia in ORC.
La stagione di vela d’altura è appena all’inizio e già sono cominciate le polemiche. La più fragorosa riguarda le Regate Pirelli-Coppa Carlo Negri di Santa Margherita Ligure (dal 28 aprile al 1° maggio) organizzate dallo Yacht Club Italiano. Il copyright della “protesta” appartiene a Marco Cohen, armatore del J 92 Dajenu. È stato lui il primo a mostrare un forte disappunto per l’esclusione da tale regata (considerata soprattutto una grande festa della vela, dai suoi cento e più partecipanti) a tutte le barche di lunghezza inferiore ai 33 piedi. Qualcuno dovrà spiegare perché nel bando di regata di una manifestazione italiana le misure sono espresse in piedi e non in metri. Si è persino scatenata una confusionaria discussione se le barche escluse erano quelle al di sotto dei 10 o, peggio mi sento, dei 10,50 metri.

UNA REGATA COME UNA TRADIZIONE

Il dispiacere e lo stupore di Cohen nascevano dal fatto che lui a quella regata, con la sua barca, ci aveva sempre partecipato gli anni prima. L’aveva aspettata come un impiegato attende le ferie d’agosto. Il direttore sportivo dello Y.C.I., Luigi Monaco di Arianello, gli ha risposto che nel Tigullio non c’è spazio per le barche piccole, dato che al Pirelli regatano sempre più le barche grandi, a cui bisogna fare largo.

Intanto c’è chi aspetta una svolta decisiva
nella fusione tra i due sistemi di compenso IRC
e ORC. Purtroppo continueremo a vedere
le doppie classifiche ancora a lungo

Certo, le Regate Pirelli sono un evento privato e lo Y.C.I. può fare quello che vuole. Ma la motivazione, per quanto sincera, non è stata proprio diplomatica. Soprattutto se teniamo conto che questa grande festa della vela è organizzata da un circolo presieduto da Carlo Croce. Ovvero il presidente della Federazione Italiana Vela, che non dovrebbe fare “discriminazioni” tra grandi e piccoli.

LE LAMENTELE DEGLI ARMATORI ESCLUSI

Cohen non è stato l’unico a rimanerci male. Giovanni Tissone di Savona, per esempio, ha scritto: “La segreteria dello Y.C.I. mi ha detto molto gentilmente che non gli interessava avere imbarcazioni sotto i 10 metri e mezzo. È questo il modo di incentivare la nautica e gli eventuali appassionati?”. No. Pier Mario Bozzuffi, di Santa Margherita, ha invece scritto: “Sono un armatore di un 32 piedi, il mio sogno era partecipare al Pirelli, anche dovessi arrivare ultimo. Che devo fare, mettere una protesi alla mia barca?”. Insomma, le Regate Pirelli saranno anche quest’anno una bella festa, un po’ guastata e non per tutti.

QUESTIONI IRRISOLTE

A tenere sempre banco è anche l’ancora irrisolto problema del dualismo tra IRC-ORC. Alla fine dell’anno scorso si è tanto parlato della fusione tra i due sistemi, ma abbiamo la sensazione che le bottiglie di spumante siano state stappate troppo presto. A Salvatore Spanu Peana, armatore di un Dehler 31 Top, che se l’è vissute tutte, dai tempi dello IOR, e che ci scrive “condivido che ci sia stia indirizzando verso una unificazione dei sistemi, perché la concorrenza e il pilatesco comportamento dei circoli velici ha portato al fenomeno ridicolo delle doppie classifiche”, dobbiamo purtroppo dire che ci vuole ancora un po’ di pazienza. Se glien’è rimasta.

Related Post

Giornale Della Vela

Il Giornale della Vela nasce dall’idea di creare il primo giornale per gli appassionati di barche a vela e nautica in Italia e, nel corso degli anni, si è imposto come il principale mensile del settore e ha ampliato i suoi orizzonti in eventi e servizi affini: prove di barche, andamento del mercato, accessoristica, vacanze e luoghi da visitare, saloni ed eventi del settore, regate ed eventi sportivi.

Leave A Reply

Altro... Nautica
Tutto pronto per l’inaugurazione del Porto Mirabello: ecco servizi e strutture
Lagoon 620: caratteristiche di un 62 piedi… da vivere
Sì, sono un Dufour: ecco il nuovo 375 Grand Large, progettato da Umberto Felci
Chiudi