Dentro Moka, il primo Sanlorenzo 460EXP varato: lusso e performanceTempo di lettura: 4'

0

Viaggio fotografico alla scoperta del primo Sanlorenzo 460EXP varato. Uno yacht unico, in cui le performance di uno scafo commerciale si abbinano all’estetica delle imbarcazioni di lusso

by Emilio Martinelli

Sanlorenzo 460EXP
Sanlorenzo 460EXP

Al Monaco Yacht Show 2015 veniva presentato Moka, primo esemplare di Sanlorenzo 460EXP: la novità del cantiere guidato da Massimo Perotti. A marzo 2016 è stato varato il secondo esemplare e altri tre sono in costruzione con consegne tra il 2017 e il 2018. “Stiamo già pensando alla versione più grande di questo modello che ha avuto un così grande successo. Anche perché vogliamo mantenere la leadership negli explorer, settore nel quale siamo stati i primi in Italia”. Spiega Antonio Santella, responsabile commerciale di Sanlorenzo Superyacht.

VINCERE ANDANDO CONTROCORRENTE

In casa Sanlorenzo c’è da essere orgogliosi dei risultati conseguiti da uno yacht nato da una scelta coraggiosa. “Il concept”, spiega Santella, “è del 2012, in piena crisi economica. Avevamo individuato la nicchia degli explorer e su quella abbiamo investito. Abbiamo avuto ragione: lo dimostrano i tentativi di imitare il nostro Explorer!”.

Firmato per l’exterior design da Francesco Paszkowsky, il Sanlorenzo 460EXP è il risultato della ricerca, come spiega il designer fiorentino. “Volevamo unire le peculiarità tecniche e l’estetica di un’imbarcazione commerciale agli spazi di uno yacht di lusso. Il tutto mantenendo il family feeling dei Sanlorenzo e con un dislocamento sotto le 500 tonnellate”.

Sanlorenzo 460EXP

DIMENSIONI

Risultato quest’ultimo espresso nel nome di questo Sanlorenzo: 460 sono infatti le tonnellate di stazza lorda del 460EXP, yacht lungo 42,78 metri e largo 9,20 metri. “Abbiamo puntato sui volumi” sottolinea Santella. “Ecco quindi uno yacht raccolto, di dimensioni contenute, con i relativi vantaggi di gestione, ma con i volumi di un 50 metri”.

Destinato a chi ama vivere in maniera completa il mare, il Sanlorenzo 460EXP racchiude gli elementi propri delle imbarcazioni commerciali e quelli del mondo del diporto.
“Dal primo” spiega Paszkowski, “vengono le linee verticali con passavanti e deck house rialzati. Sono elementi specifici delle imbarcazioni da lavoro che devono operare con ogni condizione di mare. Dal diporto, vengono gli spazi a poppa del main deck. Possono di accogliere ogni tipo di toys, ma anche diventare una grande zona relax dotata di piscina. E, sempre dal diporto, le finestrature che illuminano gli interni”.

Sanlorenzo 460EXP

GLI INTERNI

Quanto agli interni, per Moka (che ha meritato il Judges Commendation for Design al Superyacht Design Award 2016) la richiesta dell’armatore è stata quella di uno stile marino e contemporaneo. “Stile perfettamente in linea con lo spirito del 460EXP”, spiega Sandro Chiavetta, chief designer di Sanlorenzo.



Sviluppato su quattro ponti più il sundeck, il Sanlorenzo 460EXP, grazie alla particolare impostazione navale presenta due elementi innovativi. “Al centro del ponte inferiore, che a poppa ha il bar e il beach-club, è stata realizzata la palestra e una terza cabina Vip che si aggiunge alle due doppie per gli ospiti. Una cabina che, posizionata a ridosso della zona equipaggio, può diventare un ulteriore spazio appunto per l’equipaggio (sono già presenti tre cabine-equipaggio, ndr) da usare nelle lunghe navigazioni”.

La plancia di comando. Pagina a fianco: la suite armatoriale (sopra) e la palestra (in basso)

L’organizzazione degli interni prosegue, sul main deck, con due grandi saloni e la suite dell’armatore full beam a prua e, sull’upper deck, con la plancia, l’alloggio del comandante e una lounge con terrazza esterna. “Per gli ambienti”, prosegue Chiavetta, “la palette dei colori s’ispira allo stile tradizionale marino ed è stata sviluppata dall’ufficio stile Sanlorenzo.

COLORI, MATERIALI, FINITURE

Partendo dal classico rosso del mogano sapelli e creando un contrasto con il più contemporaneo rovere sbiancato, si è realizzata una palette dai toni caldi. Si aggiungono le finiture in acciaio satinato e, alle pareti nelle aree di passaggio, le pelli stampate con effetto-corda”. Per arredi e accessori si è scelto il made in Italy. E quindi, Paola Lenti per gli esterni, Minotti per gli interni e Ivano Redaelli per la biancheria. Grandi nomi cui si aggiungono quelli di Boffi, Giorgetti, B&B, Azucena, Poltrona Frau e Kartell.

Sanlorenzo 460EXP“Abbiamo ottenuto così ambienti rilassanti e confortevoli impreziositi da alcune opere di Peter Botos” conclude Chiavetta. Così come è confortevole navigare con Moka, che il RINA ha classificato Green Plus, e sul quale rumori e vibrazioni sono al minimo.

UNO YACHT UNICO

“È uno yacht che non può essere confrontato con un altro. È davvero unico”, conclude Antonio Santella. “Uno yacht che si trova a proprio agio ovunque, negli approdi più vip o nelle baie più sperdute, pensato per chi davvero vuole vivere le bellezze del mare. Ovunque si trovino”.

Il 460Exp ha avuto successo. Due esemplari sono stati varati e altri tre sono in costruzione

Related Post

Top Yacht Design

The ambition of the Top Yacht Design publishing system is to enter into dialogue with owners and potential owners, with the world of designers and architects, with the yards and also with the companies that operate in the furnishing business. The result is that it will not only be a thoroughly enjoyable read but also an essential tool for sector professionals when it comes to keeping abreast with developments.

Leave A Reply

Altro... Nautica
Oceanic 76’GT: un 23 metri è il nuovo explorer entry level di Canados
Dentro Spectre, lo yacht di 007. Caratteristiche e immagini del primo AB100
James Cavagnari presenta la sua Tuscan Spirit: “Anche le piccole hanno un’anima”
Chiudi