Sea Eagle, classe e performance nell’ultimo yacht Royal HuismanTempo di lettura: 4'

0

Progettato per essere comodo in crociera e performante in regata, l’ultimo nato di Royal Huisman porta la firma di Germàn Frers. Ecco foto e caratteristiche di Sea Eagle

Sea Eagle, classe e performance nell'ultima creazione Royal Huisman

“Progettato e costruito per soddisfare i programmi dell’armatore che vuole compiere crociere attorno al mondo e, lungo la rotta, partecipare alle regate di superyacht”.

Questo il ritratto di Sea Eagle, sloop di 43 metri realizzato da Royal Huisman e che ha svolto i primi test nel Mare del Nord nel giugno dello scorso anno. Da allora Sea Eagle non ha smesso di navigare.

Dopo aver passato l’inverno in Mediterraneo si è spostato nel Nord Europa e ha trascorso gli ultimi mesi navigando nel Mar Baltico con puntate nei fiordi della Norvegia e nelle isole della Svezia. La prossima tappa saranno i Caraibi per essere, nel mese di marzo del prossimo anno, sulla linea di partenza della St. Barth Bucket Regatta 2017.

Il nuovo superyacht firmato Royal Huisman

Dopo Blue Papillon, varato nel 2013, Sea Eagle è il secondo esemplare della serie dei 43 metri disegnata da Germán Frers per il cantiere olandese. Con la sua partecipazione alle regate di St. Barth si appresta a ribadire la presenza di Royal Huisman a questo appuntamento dei superyacht. L’ultima edizione infatti ha visto sulla ribalta due yacht nati nei capannoni di Vollenhoven, in Olanda, con la vittoria del 38 metri Unfurled e il secondo posto del 47 metri Hyperion nelle rispettive classi.

Comodità e prestazioni per l’ultimo yacht Royal Huisman

Costruito interamente in alluminio, Sea Eagle, grazie al dislocamento di sole 200 tonnellate, a una chiglia profonda (il pescaggio è di 4,7 metri) e a un piano velico decisamente importante, è in grado di assicurare al tempo stesso comodità e prestazioni. L’armo è infatti composto da un raffinato albero in fibra di carbonio alto 57 metri che può portare vele per ben 1000 metri quadrati di superficie.Sea Eagle, classe e performance nell'ultima creazione Royal Huisman foto

La beach area

L’organizzazione della coperta, con le doppie timonerie nel pozzetto centrale, lascia il ponte assolutamente libero dalle manovre e assicura grandi spazi per gli ospiti. Come la beach area collocata a poppa del secondo pozzetto direttamente collegato con la cabina armatoriale. Posta due gradini più in basso del normale piano di calpestio, la beach area è un elemento caratterizzante il layout di coperta. Realizza una vera e propria “terrazza sul mare”.

Uno spazio dedicato alle attività balneari, dal quale spostarsi alla piattaforma per il bagno creata dallo specchio di poppa ribaltabile. Spazi che si aggiungono a quello ideale per vivere in diretta la navigazione o il piacere dello stare in rada, costituito dal grande pozzetto centrale riparato dall’ala della tuga, vera prosecuzione del bimini che protegge la zona delle timonerie.

 

Gli interni: ecco le foto

Dal pozzetto centrale si scende negli interni che portano la firma di Rhoades Young. Il bianco delle sedute dei divani e delle poltrone si abbina con i toni più scuri del noce degli arredi, a quelli più chiari del legno di betulla dei pannelli e dei pavimenti in quercia sbiancata. Un insieme decisamente sofisticato, ma allo stesso di grande semplicità formale.

Organizzato con, a dritta, la zona-pranzo e, a sinistra, la zona conversazione e la plancia, l’open space del salone è collegato verso prua con un disimpegno sul quale si aprono tre porte. Una conduce a un locale bagno di servizio; una a una cabina che può essere una vip oppure essere attrezzata come palestra.

La terza porta conduce alla cucina e alla zona equipaggio con, a prua, le cabine e, a sinistra, un collegamento diretto e indipendente alla sala motori e al garage di poppa che può ospitare un tender Castoldi da 5,70 metri che viene varato mediante uno scivolo idraulico.

La zona notte

Sempre dal living, una breve scala, questa volta a poppa dell’open space, conduce alla zona notte. Due grandi cabine doppie per gli ospiti precedono la suite armatoriale di poppa.

Sviluppata a tutto baglio, qui di poco inferiore a quello massimo di ben 9,89 metri, la suite ha due letti in piano e bagno sulla dritta.

 

  

A sinistra, una zona conversazione arredata con divani e lo studio. Al centro, un grande spazio libero con, a poppa, la scala che sale al secondo pozzetto. Anche nella suite prosegue il gioco di contrasti e abbinamenti tra il bianco delle sedute e dei letti, le venature del noce, della betulla e della quercia. Combinazioni non solo cromatiche esaltate dalla finitura che ha reso famosi gli yacht di Royal Huisman e che viene riconfermata su Sea Eagle.

sea eagle foto  
Una realizzazione che ha pienamente soddisfatto il suo armatore. E Mr. Samuel Yin, uomo d’affari di Taiwan, ha deciso di dimostrare concretamente che Sea Eagle è proprio come lui voleva. Ha messo a disposizione del cantiere, per le presentazioni in giro per il mondo, il proprio yacht nato dall’unione di tre grandi protagonisti dello yachting: Royal Huisman, Germán Frers e Rhoades Young.

Top Yacht Design

The ambition of the Top Yacht Design publishing system is to enter into dialogue with owners and potential owners, with the world of designers and architects, with the yards and also with the companies that operate in the furnishing business. The result is that it will not only be a thoroughly enjoyable read but also an essential tool for sector professionals when it comes to keeping abreast with developments.

Leave A Reply

Altro... Nautica
Volvo Ocean Race 2011-12, ecco i team in gara
La cappa del futuro: ecco la cucina in cemento di Gutmann
Oltre il comfort: Vismara V80, lo yacht quattro stagioni
Chiudi