Come cambiano i Tp52: ecco le novità dell’Audi MedCupTempo di lettura: 2'

0

Se non fosse per la classe Tp52, la ricerca delle barche d’altura procederebbe a rilento. Per l’Audi MedCup di quest’anno sono stati varati sei nuovi esemplari: ecco le loro novità

Come cambiano i Tp52: ecco le novità Audi MedCup
Le barche della classe Tp52 (nella foto il nuovo Azzurra disegnato da Rolf Vrolijk) sono amministrate da un regolamento di stazza a scatola. Vuol dire che le misure devono essere contenute entro certi limiti, lasciando libertà ai progettisti di trovare i rapporti più favorevoli. La lunghezza massima è 15,85 metri, la larghezza 4,42 m. La superficie velica è di 158,50 metri quadrati e il dislocamento di 7300 chili, con una chiglia di 4800 kg (il bulbo può pesare al massimo 3800 kg)

 

Nella vela d’altura dei prototipi sono saltati tutti gli schemi. Il caso della classe Tp52 è emblematico: al circuito Audi MedCup di quest’anno partecipano otto barche, un numero chiaramente in calo rispetto alla media di dodici imbarcazioni delle edizioni precedenti. Tuttavia, di queste otto, ben sei sono state varate quest’anno, un fenomeno che non si era verificato neanche quando la flotta era più numerosa.

Comunque sia, viva il paradosso!

Infatti, escludendo i prototipi delle competizioni oceaniche, considerando che la Coppa America è passata ai multiscafi e registrando il dilagare delle classi monotipo (che una volta varate rimangono sempre uguali), se non fosse per i Tp52 lo sviluppo tecnologico e la ricerca di nuove soluzioni per i monoscafi d’altura sarebbero fermi.

Su questi prototipi da regata, controllati da un regolamento di stazza a scatola (con limiti minimi e massimi delle misure metriche e di peso), dove si regata in tempo reale con distacchi molto ridotti, i progettisti (ancora prima degli equipaggi) si sfidano nel trovare quelle piccole idee che possano regalare sull’acqua grandi differenze (parliamo di decimi di nodo) di velocità.

LA SFIDA TRA VROLIJK E BOTIN

Miguel Costa ha fatto parte dei design team de Il Moro di Venezia e di Luna Rossa in Coppa America. Ora è il project manager del Tp52 Azzurra (nella foto grande)

I sei nuovi Tp52 del 2011 sono stati disegnati da Marcelino Botin (che ha progettato Quantum Racing e Synergy) e Rolf Vrolijk (Audi Azzurra, Audi All4One, Container e Ràn). “Container e Ràn hanno poppe più svasate. Audi Azzurra, Audi All4One e le due barche di Botin sono pensate per andare meglio con vento fresco. Hanno le poppe più larghe e piatte, e maggiore superficie bagnata (circa 2 metri quadrati, ndr)”, spiega Miguel Costa, project manager di Azzurra.

Sui Tp52 non esiste più la prova di stabilità. La barca deve pesare 7300 chili, con un bulbo di 3800 kg, per un peso totale della chiglia di 4800 kg.

“Con queste misure imposte, non si lavora più per concentrare il maggior peso sul siluro in piombo, ma per trasferirlo in sentina”, fa notare Costa. Per questo si vedono sempre di più piani di coperta puliti e minimalisti.

 

Giornale Della Vela

Il Giornale della Vela nasce dall’idea di creare il primo giornale per gli appassionati di barche a vela e nautica in Italia e, nel corso degli anni, si è imposto come il principale mensile del settore e ha ampliato i suoi orizzonti in eventi e servizi affini: prove di barche, andamento del mercato, accessoristica, vacanze e luoghi da visitare, saloni ed eventi del settore, regate ed eventi sportivi.

Leave A Reply

Altro... Nautica
Staffa, il novellino che attraversò l’Atlantico grazie alla tecnologia
Viaggio in barca a vela in Croazia e Montenegro, con Bruno Veronesi
Cena nella Trattoria Nonna Maria, a Termoli. Tutto il buono del Molise
Chiudi