Uno yacht semi-dislocante anche per acque difficiliTempo di lettura: 1'

0

Si chiama SD35 e segna l’ingresso nel settore dei semi-dislocanti per il cantiere Otam

Per Otam, cantiere il cui nome è legato alla linea Millennium e ai suoi scafi dalle altissime prestazioni, si tratta di una nuova e importante fase che porta il nome di Otam SD35. Si tratta infatti del primo yacht full custom in alluminio semi-dislocante del cantiere.

Alluminio per una massima flessibilità di customizzazione, volumi superiori alla categoria con un GRT di 295, pescaggio ridotto per navigazioni anche in acque difficili come quelle dei Caraibi e degli States: queste alcune delle principali caratteristiche dell’Otam SD35.

Sviluppato su tre ponti e progettato quanto alla carena dal cantiere assieme a Umberto Tagliavini, l’SD35 ha interni all’insegna dei grandi spazi a cominciare dal salone di 40 metri quadrati. Quattro le cabine ospiti al lower deck, mentre il ponte superiore è interamente dedicato all’armatore.

Otam SD35: uno yacht semi-dislocante full custom in alluminio
Otam SD35: uno yacht semi-dislocante full custom in alluminio
www.otam.it
www.marinedesign.it

Top Yacht Design

The ambition of the Top Yacht Design publishing system is to enter into dialogue with owners and potential owners, with the world of designers and architects, with the yards and also with the companies that operate in the furnishing business. The result is that it will not only be a thoroughly enjoyable read but also an essential tool for sector professionals when it comes to keeping abreast with developments.

Leave A Reply

Altro... Nautica
Andrea Farina e il restauro di Moana 60, 18 metri, con 150mila euro
Uno yacht da crociera, comodo, elegante e contemporaneo
Gli yacht Proteksan Turquoise per una vista unica sul mare
Chiudi