Varianta 44: la vela low cost con caratteristiche personalizzabiliTempo di lettura: 5'

0

Il Low Cost sbarca nel mondo della vela con Varianta 44, un 13 metri che comprate su internet: con 100mila euro è pronto a navigare. Date un’occhiata alle caratteristiche e personalizzazioni che offre il distributore italiano…

di Alessandro de Angelis

Varianta 44: la vela low cost con caratteristiche personalizzabili

Low Cost, termine inglese che in italiano letteralmente si traduce in “Basso Costo”. Un concetto che negli ultimi dieci anni è entrato prepotentemente nella nostra vita di tutti i giorni. Dalla possibilità di volare in qualunque capitale europea spendendo meno che per la classica gita fuori porta, per arrivare ai menu in offerta anche nei migliori ristoranti o all’arredamento della casa (chi non è stato all’Ikea almeno una volta alzi la mano!).

Varianta 44: la vela low cost con caratteristiche personalizzabiliL’unico mondo che sembrava essere impermeabile (non è un gioco di parole) a tutto questo era il nostro. A cambiare le carte in tavola ha pensato il Gruppo Hanse, che quest’inverno ha lanciato il Varianta 44, un tredici metri e venti acquistabile direttamente su internet a 100.000 euro, con dotazioni standard ridotte all’osso, ma comunque pronto con tanto di vele. L’acquisto via internet (www.varianta.info) avviene tramite un configuratore di stampo automobilistico per tenere sempre sotto controllo il prezzo effettivo nel caso si vogliano aggiungere degli optional. Ma di che tipo di barca stiamo parlando?

VARIANTA 44 versione cantiere

Il cantiere propone interni giocati tra il bianco e questo particolare verde, che viene indicato proprio come “verde Varianta”. Come si può notare, al posto dei classici stipetti, a murata sono state realizzate delle vere e proprie sacche di diverse dimensioni destinate allo stivaggio.

Varianta 44: la vela low cost con caratteristiche personalizzabili

Oltre al Varianta 44, sul mercato c’è anche un piccolo Varianta 18

IN ATTESA DELLA CLASSE

Sul sito del cantiere è stata prevista una sezione dedicata alle regole di classe: in effetti il Varianta 44 si presenta con un carattere adatto agli sportivi.

I SEGRETI DEL VARIANTA 44

Il Varianta 44 riprende la carena firmata Judel/Vrolijk dell’Hanse 430, dal quale si differenzia per una coperta dalle forme arrotondate e semplificate. La prima differenza che salta agli occhi è la mancanza del classico fiocco autovirante di Hanse, al posto del quale il cantiere ha previsto un genoa al 105% che ne accentua il carattere sportivo (sono in fase di preparazione persino le regole di classe, proprio sul sito Varianta).

Alcune scelte, fatte sempre nell’ottica del Low Cost, ci riportano al passato

Ad esempio la presenza dei garrocci sul genoa (che potremo ammainare e sistemare a prua senza ingombri, di serie infatti non è previsto il salpancora). Gli interni sono all’insegna, e come poteva essere diversamente, della semplicità. La versione base prevede due cabine, una a prua e una a poppa sul lato sinistro. Al centro domina la dinette: la sensazione di leggerezza è amplificata dalla presenza, al posto dei classici stipetti, di sacche portaoggetti. La cucina, un po’ stretta ma completa, si trova a dritta appena scesi sottocoperta; di fronte, ecco il classico bagno.

VARIANTA 44 versione italiana

A colpire, prima di tutto, la gamma di colori che cambia il volto del Varianta 44. Non solo per quanto riguarda i tessuti, ma anche negli stipi della cucina e persino (un gioco divertente) sulla paratia che separa la dinette dalla cabina di prua: a noi piace la versione col pesce gigante.


Varianta 44: la vela low cost con caratteristiche personalizzabili


Varianta 44: la vela low cost con caratteristiche personalizzabili

UNA QUESTIONE DI NUMERI

Uno dei cardini del “Low Cost” è il raggiungimento di un tot di numeri: è una semplice legge del mercato, se i numeri sono alti si possono tenere bassi i prezzi, altrimenti diventa difficile. Proprio questo è sempre stato il principale problema nel mondo della nautica: i numeri non giustificavano gli sforzi e soprattutto non permettevano di reggere sul mercato.

Come può quindi il gruppo Hanse sostenere un impegno del genere?

Intanto il rischio finanziario è limitato: il Varianta 44 nasce come detto dallo scafo dell’Hanse 430 e viene assemblato sulla stessa linea produttiva. Non solo i costi di produzione sono limitati, ma anche quelli di distribuzione sono stati ridotti all’osso: la rete di vendita è molto leggera, costituita da una serie di “Point of Sail” che Varianta ha creato in diversi Paesi europei. Anche il costo del trasporto e della messa in acqua è indicato al momento dell’acquisto, così da non avere spiacevoli sorprese. Il Point of Sail italiano è la società napoletana Sail Yachting.

A TUTTO SHOPPING

Con 100.000 euro che cosa ti compri?

Con una somma simile a quella necessaria all’acquisto del Varianta 44, che cosa si può comprare nei diversi settori? potreste regalarvi una Porsche 911 Carrera Cabrio, oppure godervi i 500 cavalli dei motori fuoribordo Mercury montati su un gommone Black Fin di 28 piedi. Cambiando genere, abbiamo provato a cercare un appartamento al mare. Il risultato è un piccolo bilocale con terrazzino. Niente vista mare, però…

Una Porsche 911 Carrera Cabriolet Black Edition, la portate a casa con 99.862 euro chiavi in mano.

Black Fin 28 CC, con una coppia di fuoribordo da 250 cavalli, 94000 euro franco cantiere.

Al mare, due piccoli locali con cucina a vista e servizi. Scordatevi però le località rinomate.

I NUMERI DEL VARIANTA 44

Lungo 13,18 metri, largo 4,16, ha un dislocamento di 9800 kg e una zavorra di 3200 kg. La superficie velica di 105 mq prevede una randa di 57 mq e un genoa al 105% di 48 metri quadri.

PERSONALIZZARE SI PUÒ

Proprio Sail Yachting ha avuto un’idea molto interessante per il nostro mercato. Seguendo l’esempio di Varianta, quindi realizzando un listino molto preciso, ha creato tutta una serie di personalizzazioni che si aggiungono agli optional proposti già dal cantiere. Comprese quelle riguardanti la “tappezzeria”, con soluzioni e 100 colori possibili.

Soluzioni in coperta

In coperta si va dal lazy bag al gennaker con calza, passando per il salpancora. Oppure si può scegliere fra tre differenti giochi di vele (da quello con randa full batten fino a quello in membrane di kevlar). Questo, in aggiunta a quello in Dacron proposto da Varianta al momento dell’acquisto. In più è in studio l’installazione di un secondo bagno a prua, in sostituzione di una delle due cuccette laterali di prua. Come alternativa alò bagno, sarà possibile optare per un grande armadio o uno spazio “studio”.

Related Post

Top Yacht Design

The ambition of the Top Yacht Design publishing system is to enter into dialogue with owners and potential owners, with the world of designers and architects, with the yards and also with the companies that operate in the furnishing business. The result is that it will not only be a thoroughly enjoyable read but also an essential tool for sector professionals when it comes to keeping abreast with developments.

Leave A Reply

Altro... Caratteristiche Barche
Jeanneau 53 e… dieci imbarcazioni da 16 metri per navigare comodi
SeaXplorer, gli yacht con le caratteristiche per scoprire il mondo senza limiti
Bruce Farr si riprende le regate: ecco il nuovo monotipo Farr 400
Chiudi