Volvo Ocean Race 2011-12, ecco i team in garaTempo di lettura: 2'

0

Vi presentiamo i sei team che parteciperanno alla Volvo Ocean Race 2011-12. Le barche saranno equipaggiate con maxi spinnaker fino a 500 metri quadrati

Volvo Ocean Race 2011-12, ecco i team in gara

Sei team parteciperanno alla Volvo Ocean Race 2011-2012. Tutti molto agguerriti ed esperti, renderanno avvincente la lotta per la vittoria. A differenza delle volte precedenti, infatti, è difficile individuare uno o due candidati al successo già sulla carta.

Il primo a varare la barca nuova (disegnata da Marcelo Botin) è stato Camper, il cui equipaggio (con in testa lo skipper australiano Chris Nicholson) porterà i colori dell’Emirates Team New Zealand di Coppa America presieduto da Grant Dalton.

A seguire, sono uscite dai rispettivi cantieri tre barche disegnate da Juan Kouyoumdjian, che ha firmato i progetti che hanno vinto le due ultime edizioni (ABN Amro One nel 2005-2006 ed Ericsson 4 nel 2008-2009). Sono la spagnola Telefonica dello skipper Iker Martinez, la statunitense Puma di Ken Read e la francese Groupama 4 del navigatore Franck Cammas.

Poi, è stata la volta di Abu Dhabi, la barca costruita in Italia, dalla Persico di Bergamo, affidata all’inglese Ian Walker. Ci sarà poi un secondo team spagnolo che si sta costituendo.

LE MISURE DEL VOLVO OPEN 70

Le barche della Volvo Ocean Race hanno scafi lunghi 21,50 metri, ai quali si aggiunge un bompresso compreso tra 1,80 e 2,00 m. La larghezza minima è 5,30 metri, la massima 5,70 m. L’albero dal piano di coperta è alto 31,50 metri, sul quale è issata una randa dalla superficie massima di 175 metri quadrati.

Gli spinnaker, che possono essere tutti avvolgibili, sono grandi al massimo 500 mq (i frazionati 350 mq). Invece per le vele di prua il regolamento pone limiti di superficie massima solo per la staysail (60 mq) e il fiocco pesante (94 mq).

    

L’EQUIPAGGIO

Durante il giro del mondo i Volvo Open 70 saranno portati da 11 persone, di cui tre dovranno essere nati dopo l’1 settembre 1980. A sinistra, lo skipper di Camper, l’australiano Chris Nicholson, 42 anni.

UNA BARCA SICURA

Per ostacolare la tendenza dei progettisti a risparmiare sul dimensionamento delle strutture dello scafo (con l’intento di concentrare il maggior peso possibile dell’imbarcazione sul bulbo), nel dislocamento minimo di un Volvo Open 70, compreso tra 14 e 14,5 tonnellate, la chiglia (basculabile) può pesare al massimo 7,4 t (di cui almeno 1900 kg nella pinna di deriva).

PIÙ VELOCE DEL VENTO

Camper, disegnato da Marcelo Botin, è stato il primo Volvo Open 70 dell’ultima generazione a essere varato. Nei primi test con arie leggere ha dimostrato di poter navigare di bolina a 11 nodi di velocità con 8 nodi di vento.

LIMITE DI 17 VELE

Per l’intero giro del mondo ogni team può stazzare al massimo 17 vele e durante ogni tappa l’inventario deve obbligatoriamente essere limitato a una randa, quattro vele di prua (tra fiocchi, genoa o code zero), tre spinnaker (di cui uno frazionato) e una staysail.

Related Post

Giornale Della Vela

Il Giornale della Vela nasce dall’idea di creare il primo giornale per gli appassionati di barche a vela e nautica in Italia e, nel corso degli anni, si è imposto come il principale mensile del settore e ha ampliato i suoi orizzonti in eventi e servizi affini: prove di barche, andamento del mercato, accessoristica, vacanze e luoghi da visitare, saloni ed eventi del settore, regate ed eventi sportivi.

Leave A Reply

Altro... Nautica
La cappa del futuro: ecco la cucina in cemento di Gutmann
Oltre il comfort: Vismara V80, lo yacht quattro stagioni
Barca classe 2011: ecco i modelli di Hanse, Bavaria e Elan
Chiudi