Regata 151 Miglia e Tre Golfi: sale la febbre per le lungheTempo di lettura: 2'

0

Wolverine di dell’Aria vince la 56esima edizione della regata lunga del golfo di Napoli; Sagamore di Paoleschi è primo alla nuova Marina di Pisa-Punta Ala

barca a vela regata
Carlo Borlenghi Francesco Rastrelli
Una vecchia regata e una nuova: ovvero la 56esima edizione della Regata dei Tre Golfi (28 Maggio 2010) di 124 miglia nel golfo di Napoli e la prima edizione (20-22 Maggio 2010) della 151 Miglia tra le isole dell’arcipelago toscano.

Sagamore: 151 miglia in 16 ore e 39 minuti

Grande successo già alla prima edizione. Le premesse c’erano tutte, a partire dal suggestivo percorso da Marina di Pisa, passaggio alla boa di Livorno, Giraglia, isola d’Elba, Formiche di Grosseto, isolotto della Troia e traguardo a Punta Ala.
Senza parlare poi delle fantastiche condizioni atmosferiche di vento fresco e cielo stellato di notte (anche se gli organizzatori fanno sapere che il periodo della regata è stato scelto proprio in base a uno studio delle statistiche meteo degli ultimi 10 anni.
Dei 51 equipaggi partecipanti, accolti con tutti gli onori con una grande festa a Punta Ala, non è rimasto scontento proprio nessuno.
Sagamore, il maxi yacht di Nicola Paoleschi, ha vinto in reale (16 ore e 39 minuti il suo tempo di navigazione) e in IRC, davanti al Latini 52 .G di Gabriele Guerzoni e al Vismara 50s K9 di Guido Spadolini; in ORC, vittoria di .G, sullo Scuderia 50 Alatir3 di Sandro Paniccia e al Dufour 44 Giumat di Trusendi.

Saphira: 124 miglia in 27 ore e 3 minuti

Con la Regata dei Tre Golfi, long distance di 124 miglia che ha impegnato 60 imbarcazioni sul percorso Napoli-Secca della Cavallara- Ventotene-“Li Galli”-Porto Santa Lucia, è calato il sipario sulla Settimana dei Tre Golfi.
Quest’ultima è una kermesse che comprende regate su percorsi a bastone a Ischia e una prova lunga che parte dal Circolo del Remo e della Vela Italia di Napoli. Saphira, First 50 di Raffaele Archivolti, l’X35 L’Irascibile di Giampiero Martuscelli, il First 34.7 Wolverine di Giacomo Dell’Aria, l’Arya 415 Stelle Olimpiche dell’omonimo team di veliste e il Vismara 34 Vlag di Salvatore Casolaro, hanno vinto la combinata del Trofeo Marina Yachting rispettivamente nelle categorie ORC 1, ORC 2, ORC3, IRC 1-2 e IRC 3.
L’evento più atteso della Settimana è la Regata finale, con la partenza a mezzanotte e il golfo di Napoli illuminato da centinaia di lampade fotoelettriche, il pubblico assiepato da via Caracciolo a via Pertenope come nelle “notti magiche” del San Paolo.
La lunga è stata vinta in reale da Saphira (27 ore e 3 minuti il tempo di navigazione), con Paolo Cian al timone, e in tempo compensato da Wolverine.
Giacomo Baldassari

Giornale Della Vela

Il Giornale della Vela nasce dall’idea di creare il primo giornale per gli appassionati di barche a vela e nautica in Italia e, nel corso degli anni, si è imposto come il principale mensile del settore e ha ampliato i suoi orizzonti in eventi e servizi affini: prove di barche, andamento del mercato, accessoristica, vacanze e luoghi da visitare, saloni ed eventi del settore, regate ed eventi sportivi.

Comments are closed.

Altro... Vela
Nasce NautilHouse, una catena di negozi specializzati nella nautica
Vacanze in barca a vela: alla scoperta dell’isola di Sant’Elena
Crociera in barca a vela: tutti i segreti
Chiudi