Xp 44, caratteristiche della barca del futuroTempo di lettura: 5'

0

Con l’Xp 44, nasce la quarta generazione di cruiser/racer del cantiere danese X-Yachts, già pronto al raddoppio con l’Xp 38. Ecco le novità della prossima stagione

Xp 44, caratteristiche della barca del futuro x-yachts
Lo scorso anno X-Yachts ha puntato su barche “crocieristiche”. Per la prossima stagione ecco arrivare la nuova “Xp generation”,  scesa in mare con il suo primo modello, l’Xp 44. La sigla Xp (dove la lettera “p” significa performance) sta ad indicare le barche più “cattive” del cantiere danese, che con questo tredici metri raggiunge la quarta generazione di Cruiser Performance, pensati per unire alle prestazioni anche un comfort da crociera.

Ottime prestazioni, sempre

Progettato con l’ausilio del “Velocity Prediction Program”, è stato studiato per ottimizzare le sue prestazioni alle più diverse andature. Un’evoluzione che ha portato l’Xp 44, rispetto al suo capostipite X-43, ad avere un 5% in più di lunghezza al galleggiamento. L’utilizzo della tecnica costruttiva dell’infusione e lo sfruttamento delle fibre di carbonio al posto del classico acciaio hanno consentito al cantiere di abbassare il baricentro.

Caratteristiche tecniche

Il rapporto zavorra/peso totale è così superiore al 45%, con una conseguente notevole stabilità nonostante l’aumento del piano velico (più simile a quello di un racer che di un cruiser). L’immersione standard è di 2,30 metri, ma è disponibile anche una versione che raggiunge i 2,65 metri. A prua ecco il bompresso in carbonio, ideale per navigare sfruttando al massimo le prestazioni del Code 0. Tra le possibilità di personalizzazione, il cantiere propone sulle colonnine dei due timoni un sistema di controllo della navigazione totale.

Un uomo solo al comando

Traduzione? Lo governa una sola persona. La tuga è bassa e filante, con le manovre rimandate correttamente ai sei winch presenti in pozzetto. Proprio il pozzetto è totalmente sgombro, ma è previsto un tavolo a scomparsa: la soluzione ideale per non avere ingombri in navigazioni ma stare comodi all’ancora.

Sottocoperta il rinnovato disegno di carena ha consentito di ricavare tre cabine doppie, con due bagni con doccia separata, un quadrato spazioso e una cucina con due frigoriferi, fornelli a gas e forno a microonde.

X-Yachts, www.x-yachtsitalia.it

“Il nostro bambino è apparso subito un progetto assolutamente giusto ed è anche veloce”

Niels Jeppesen, progettista X-Yachts

Colori chiari e linee morbide dovrebbero caratterizzare gli interni dell’Xp 44, che lo rendono adatto anche alla crociera.

NON SOLO XP 44: AI PROSSIMI SALONI VEDREMO UNA GAMMA “CATTIVA”, CHE RILANCIA IL MITO DELLA VELOCITÀ

In agosto arriva l’Xp 38

Ai prossimi saloni autunnali l’Xp 44 non sarà la sola novità di X-yachts: il cantiere danese infatti metterà in acqua quest’estate (il varo è previsto nel mese di agosto) anche l’Xp 38, un 11,58 metri che riprende lo spirito e le linee del suo fratello maggiore. L’interesse suscitato già dei primi rendering ha portato X-Yachts a venderne a oggi già venti esemplari.

Anche in questo caso, il cantiere ha puntato sul mix regata/crociera, con un armo che prevede una randa di 46,2 metri quadri nella versione con albero in alluminio (quella carbon rig sarà di 48 mq) e un genoa al 106% di 39,5 mq. Lo spi raggiungerà invece i 130 metri quadri di superficie, esaltando indubbiamente le sensazioni alle andature portanti.

Dati Xp 38: lung. 11,58 m; larg. 3,70 m; pesc. 2,10/2,40 m; disl. 6410 kg; zavorra 2760 kg; sup. vel. 85,7 mq.

> > EGE 30, DALLA TURCHIA… SU MISURA

Un nuovo cantiere si è affacciato sul nostro mercato: arriva dalla Turchia Ege Yat, che produce otto modelli da 7 a 15,50 metri di lunghezza. Tra questi spicca l’Ege 30, disponibile in ben cinque diversi allestimenti. Proprio la possibilità di customizzare le barche per venire incontro alle esigenze dei diversi armatori è una delle caratteristiche su cui punta il cantiere turco.

Nel caso dell’Ege 30, oltre ai diversi pescaggi e agli allestimenti interni, c’è persino la possibilità di avere una doppia motorizzazione EB. Lungo 9,35 metri e largo 3,10, l’Ege 30 conta su una randa di circa 22 metri quadri e su un genoa rollabile di 25 (lo spi di serie ha invece una superficie di 69 mq). Il layout interno prevede di base due cabine doppie, ma è prevista anche una versione “T”, con una sola cabina a prua, mentre l’Ege 30 DS dispone di un quadrato particolarmente arioso per una barca di questa lunghezza.

   

> > HUNTER E36: ECCO LE CARATTERISTICHE

L’ultima novità del cantiere americano Hunter è un undici metri (10,89 metri per la precisione) caratterizzato da un layout interno insolito per il nostro mercato, ma molto apprezzato negli Stati Uniti. La cabina poppiera infatti prevede il letto posizionato trasversalmente, così da ottimizzare gli spazi.

Come per la quasi totalità della gamma Hunter, anche l’Hunter e36 è rinforzato con una stratificazione in Kevlar, inserita nei punti della carena che possono essere più esposti agli urti. Tutta la falegnameria interna è realizzata in ciliegio laminato e massello: una soluzione che garantisce la durata delle superfici. Anche l’Hunter e36 prevede il caratteristico rollbar in pozzetto.

Dati: lung. 10,89 m; larg. 3,76 m; disl. 6450 kg. Navytalia, www.navytalia.it

Elegante e bassa sull’acqua: è il 50 piedi Ginger

Il daysailer made in USA 

Si chiama SWYD lo studio di progettazione americano (da noi ancora poco conosciuto) specializzato nella realizzazione di barche “spirit of tradition”. Uno delle ultime barche varate è Ginger, un daysailer di 15 metri che colpisce per l’eleganza delle linee e la disposizione delle manovre: tutte rimandate al pozzetto , permettono di navigare da soli o di regatare con un equipaggio completo. Trovate i progetti dello studio americano su www.stephenswaring.com

Il nuovo “lato B” dell’Hanse 400.

Una soluzione studiata nel corso dell’inverno, che ora il cantiere tedesco ha lanciato sul mercato e che prevede un semplice sistema con paranco per l’apertura dello specchio di poppa dell’Hanse 400, che così si trasforma in una comoda spiaggetta con tanto di scaletta. www.hanseyachts.com

Related Post

Giornale Della Vela

Il Giornale della Vela nasce dall’idea di creare il primo giornale per gli appassionati di barche a vela e nautica in Italia e, nel corso degli anni, si è imposto come il principale mensile del settore e ha ampliato i suoi orizzonti in eventi e servizi affini: prove di barche, andamento del mercato, accessoristica, vacanze e luoghi da visitare, saloni ed eventi del settore, regate ed eventi sportivi.

Leave A Reply

Altro... Vela
Classe Melges 20: la regata che unisce campioni e dilettanti

Dalla carta nautica al chartplotter: storia e segreti del GPS

Chiudi